mercoledì 15 gennaio 2014

Rising Son album di debutto del trombettista Takuya Kuroda per la Blue Note

L'ascendente trombettista e compositore Takuya Kuroda si appresta a fare il suo debutto per Blue Note con l'uscita il prossimo 18 febbraio di Rising Son, prodotto da José James


Kuroda, che è meglio conosciuto per la sua ispirata presenza nella band di James, fa ulteriori passi in avanti a timone di uno straordinario gruppo che presenta il tastierista Kris Bowers, il bassista elettrico Solomon Dorsey, il batterista Nate Smith, ed il trombonista Corey King. 
James rimane per lo più dall'altra parte del vetro nella poltrona di produttore, ad eccezione di una ipnotica versione del classico di Roy Ayers "Everybody Loves The Sunshine", a cui presta la sua accattivante voce baritonale. Il fantasioso chitarrista Lionel Loueke contribuisce anche con un assolo percussivo e ricco di blues su uno dei brani principali dell'album "Afro Blues".
Oltre che a far parte della sezione di fiati di James per diversi anni, il 33enne giapponese, con sede a Brooklyn, ha guidato dei propri gruppi ed ha realizzato e prodotto tre album precedenti.
Mentre era sulla strada con James a sostegno del recente album di debutto del cantante con la Blue Note, No Beginning No End, gli fece ascoltare alcuni dei suoi materiali più recenti. James apprezzò quei pezzi ma avrebbe voleva sentire maggiormente suonare Kuroda e così sviluppò l'idea di produrre il suo album.
"Nessuno suona come Takuya," dice James. "Il suo tono, il calore e la maggior parte di tutta la sua narrazione, mi hanno ispirato per anni. La sua scrittura è piena di sentimento, moderna, e colma senza sforzo il divario tra jazz e soul, e tra storia e domani."
I ritmi afrobeat svolgono un ruolo fondamentale su tutto Rising Son, riflettendo la partecipazione per sei anni di Kuroda nella formazione newyorkese, Akoya. Le coinvolgenti sonorità afrobeat spingono molti dei brani dell'album, tra cui la stuzzicante "Afro Blues", uno dei sei pezzi originali dell'album su cui la melodia della tromba di Kuroda evoca Lee Morgan, una delle influenze significative di Kuroda insieme a Clifford Brown e Miles Davis.
L'album contiene anche due gemme di Roy Ayers, "Everybody Loves the Sunshine" e "Green & Gold".
La partnership di Kuroda con James risale a un decennio fa presso la New School of Music di Manhattan. Kuroda si è diplomato nel periodo in cui James arrivò a scuola. Essi si esibirono in un recital pianistico di un amico comune. 
James amò immediatamente il playing di Kuroda e lo invitò a partecipare al suo disco del 2010, BlackMagic. Kuroda fornì un contributo memorabile sulla composizione di James "Promise In Love". James successivamente reclutò Kuroda per degli spettacoli dal vivo e per le sessioni di registrazione di No Beginning No End, sul quale Kuroda ha anche scritto gli arrangiamenti per i fiati.
Prima che Kuroda arrivasse negli Stati Uniti nel 2003, era cresciuto a Kobe, in Giappone e seguito le orme di fratello trombonista nella jazz band della high school. 
Mentre era in Giappone, Kuroda ha suonato in gruppi jazz per 12 anni, dalla scuola media e attraverso la big band del college. Ma lui dice dice di essersi sentito coinvolto nel jazz solamente suonando sulla scena jazz locale con combo più piccoli. 
"La big band suonava solo per le classifiche musicali, non c'era molta improvvisazione" spiega Kuroda "mi sono seduto con un sacco di anziani della scena locale che mi hanno mostrato tanto amore».
Kuroda arrivò negli Stati Uniti, dove ebbe i suoi primi studi formali di jazz al Berklee College of Music. "Non ho mai avuto un insegnante di musica jazz in Giappone. Ho preso le mie prime lezioni di teoria musicale, insegnamento dell'orecchio e di ensemble jazz, per la prima volta in vita mia in inglese, che le rese ancora più pazze" dice, "ma che mi fecero venire voglia di trasferirmi a New York" .
Grazie alla sua stretta associazione con James, Kuroda è destinato a diventare una voce importante nella moderna scena soul-jazz del 21° secolo con Rising Son che segnala una nuova alba.
(Fonte Blue Note)

Nessun commento:

Posta un commento