mercoledì 11 dicembre 2013

Jim Hall feat. Tom Harrell - These Rooms

Un altro album, che personalmente considero tra i migliori della carriera di Jim Hall, è questo These Rooms, misconosciuto album pubblicato dalla Denom nel 1988, nel quale il chitarrista era accompagnato dal grande trombettista Tom Harrell.


Ecco un'estratto di una ottima recensione di Nico Toscani, pubblicata sul blog Free Fall Jazz che condivido pienamente:
Per quanto non se ne parli mai in favore di altri titoli, ‘These Rooms’ è di certo tra le migliori prove nel nutrito catalogo di Jim Hall, penalizzato forse solo da una reperibilità non proprio facilissima (nonostante pare sia in giro una ristampa del 2008 su Disconforme) che ne ha limitato la diffusione tra gli appassionati.
Le dieci tracce di questa sessione del 1988 si rivelano infatti efficace e prezioso bignami di tutte le maggiori peculiarità del chitarrista, a partire dalla configurazione del gruppo priva di piano, dimensione nella quale ha partorito ottime cose sin dal trio con Jimmy Giuffre, grazie a un approccio allo strumento sobrio ed improntato al less is more, in cui la chitarra spesso assume un ruolo ritmico piuttosto che lasciarsi andare a scorribande, che semmai (come in questo caso specifico) restano prerogativa dei fiati. 
Ad arricchire il sound del terzetto troviamo infatti il flicorno (che solo sulla title-track viene abbandonato in favore della tromba) dell’ottimo Tom Harrell, assolutamente a suo agio in quest’atmosfera levigata e quasi “in punta di piedi” che nasce dal cool e strizza più di una volta l’occhio al bop. 
Stupisce poi scoprire dietro le pelli un Joey Baron con ancora tutti i capelli in testa, proprio lui che di solito predilige contesti ritmici assai più vivaci; eppure in questa sede non delude, integrandosi perfettamente col basso di Steve LaSpina e confermandosi musicista dall’ottima versatilità: prima che la sua strada e quella di Hall si incontrino di nuovo su disco però dovranno passare addirittura vent’anni.
Più o meno equamente diviso tra standard e composizioni originali, ‘These Rooms’ rivela un grande pregio nella sua discreta varietà, che regala sfumature assai diverse ad episodi che trovano il proprio filo conduttore in un sound che leggero ed “innocuo” lo è soltanto in superficie... 
(leggi la recensione integrale sul sito originario)

Ecco in streaming l'intero album, offerto dal sito Grooveshark:

These Rooms by bruce spring on Grooveshark

Nessun commento:

Posta un commento