mercoledì 4 dicembre 2013

Franco D'Andrea Trio a ParmaJazz Frontiere

Grande attesa per gli amici di ParmaJazz Frontiere venerdì 6 dicembre alla Casa della Musica di Parma alle ore 21.00 per il Franco D’Andrea Trio: Franco D’Andrea al pianoforte, Daniele D’Agaro al clarinetto e Mauro Ottolini al trombone. 


Un trio atipico che offrirà una straordinaria panoramica sul pensiero musicale di D’Andrea libero da manierismi di sorta e costantemente alla ricerca di un'espressività autentica e profonda. 
Musica di una caparbietà gentile, appuntita, magmatica, scattante e raffinata. Travolgente e coerente allo stesso tempo. Mirabilmente in bilico tra Apollo e Dioniso. Intensamente personale, completamente jazz.
La banda è stata il colore di riferimento del jazz tradizionale, che è la musica che mi ha affascinato ai miei esordi. – dichiara Franco D’Andrea – La formazione degli “Hot Five” di Louis Armstrong comprendeva tromba, clarinetto, trombone, piano e batteria o banjo. Questa combinazione di strumenti, per me assolutamente magica, ha ancora molto da offrire anche alla musica jazz dei nostri tempi. Questo trio contiene in sé l’essenza del suono di una banda, nella quale strumenti caratteristici sono sicuramente il clarinetto, in rappresentanza delle ance, e il trombone, per gli ottoni. Il pianoforte in questo contesto può giocare una molteplicità di ruoli grazie alla sua tipica orchestralità. La musica si sviluppa tra riff, poliritmie, contrappunti improvvisati, astrazioni contemporanee e sonorità talvolta ispirate al “jungle style” ellingtoniano”.
Franco D’Andrea si è appena aggiudicato il premio Top Jazz 2013 come “Musicista dell’anno”, lo storico riconoscimento assegnato dalla rivista Musica Jazz in base al voto espresso da una rosa scelta di critici musicali del settore.
Per il pianista Franco D’Andrea, il 2013 si conclude con il miglior riconoscimento in ambito jazzistico. Dopo il premio Top Jazz nel 2012 nella categoria “Disco dell’anno” per Traditions and Clusters (El Gallo Rojo 2012) e la carta bianca offertagli da Mito Settembre Musica, il pianista di origini meranesi ottiene ora l’ambito premio come “Musicista dell’anno”, a coronamento di una carriera che lo ha visto sempre protagonista assoluto e punto di riferimento nel Jazz italiano e internazionale.
Il 2014 si aprirà con un ulteriore importante riconoscimento: la Carta Bianca presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma che lo vedrà impegnato in tre appuntamenti principali: la presentazione del suo nuovo album dal titolo Monk and the Time Machine (Parco della Musica Records 2014) il 28 gennaio, un concerto il 24 marzo in trio con il batterista Han Bennink e il trombettista Dave Douglas e un terzo concerto il 23 maggio in Piano Solo.

Nessun commento:

Posta un commento