martedì 24 dicembre 2013

E' morto Yusef Abdul Lateef

Ancora una grave perdita nel mondo del jazz con la scomparsa di Yusef Abdul Lateef, leggendario musicista e compositore di Detroit, che negli anni '50 e '60 dette un enorme contributo a formare il jazz moderno. 


Mr. Lateef il cui vero nome era William Emanuel Huddleston, nacque il 9 ottobre 1920, a Chattanooga, Tennessee, e si trasferì a Detroit con la sua famiglia nel 1925. Egli crebbe sopra un jazz club di Detroit, dove avvenne il suo primo approccio alla musica.
William crebbe a Detroit con amici che saranno future leggende del jazz come Milt Jackson, Tommy Flanagan, Barry Harris, Paul Chambers, Donald Byrd, Hank, Thad e Elvin Jones, Kenny Burrell e altri. Il suo primo strumento fu il sax tenore, ed iniziò a girare con orchestre swing già da adolescente.
Ma il suo amore per la musica trascendeva il suono; secondo sua moglie "lui avrebbe chiamato la sua musica 'autophysiopsychic', musica per l'anima, corpo e spirito".
Benchè fosse diventato celebre al sassofono, Lateef era unico nell'incorporare l'oboe e il fagotto, nonché nell'infondere suoni africani, asiatici e mediorientali nel mainstream jazz.
Nel 1949, Dizzy Gillespie lo invitò ad unirsi alla sua orchestra. In seguito studiò composizione e flauto presso la Wayne State University.
Si convertì all'Islam nei primi anni '50, e cambiò il suo nome in Yusef Lateef.
Tornato a New York nel 1960. Lateef andò in tour e registrò con Charles Mingus, Cannonball Adderley, Miles Davis e Gillespie, oltre ad essere leader del suo gruppo. 
Le sue registrazioni di "Love Theme from Spartacus" e "Morning" sono ancora trasmesse sulle stazioni radio jazz.
Dopo la sua conversione all'Islam, Lateef divenne un mentore per i musicisti più giovani. "Era uno dei grandi padri di tutti noi", ha detto il pianista Charles Boles. "Fu un mentore per molti giovani musicisti. Ha vissuto una vita molto limpida."
Il suo amore per l'educazione lo portò all'insegnamento. Fu professore di musica e di educazione musicale in cinque collegi dal 1987 al 2002. 
Nel 2010, Lateef ottenne il riconoscimento della National Endowment for the Arts.
Nel 1987, vinse il Grammy per "Best New Age Album" con Yusef Lateef’s Little Symphony.
Mr. Lateef ha continuato a suonare in giro pe il mondo fino a questa estate, quando ha giocato per l'ultima volta in un festival jazz a Vienne, in Francia, a 92 anni.

Nessun commento:

Posta un commento