martedì 17 dicembre 2013

Brian Blade Fellowship: Live At The Village Vanguard (audio)

Lo scorso 10 dicembre il Brian Blade Fellowship è stato ospite del Village Vanguard, nell'ambito di una settimana di concerti in questo mitico locale newyorkese.

Foto di John Rogers per NPR

Per l'occasione la formazione era composta da Brian Blade, batteria; Melvin Butler, alto sax, Myron Walden, sax tenore; Steve Cardenas, chitarra; Jon Cowherd, piano; Chris Thomas, basso.
Per quasi 15 anni, Brian Blade ha cercato di cancellare il proprio nome dalla band in cui è coinvolto attualmente. 
Nel 1998 il primo disco del gruppo fu pubblicato sotto il nome Brian Blade Fellowship. Un decennio più tardi, il gruppo ha subito un cambiamento di nome in Brian Blade and the Fellowship Band. Ma attualmente essi vengono accreditati semplicemente come Fellowship Band, anche se Blade è sempre alla batteria, contribuendo a spingere il gruppo attraverso profondi, vividi viaggi improvvisazionali ed evocativi toni poetici.
La band suona insieme sporadicamente, dati i numerosi impegni dei suoi componenti, non ultimi quelli dello stesso Blade. E' stato un prezioso collaboratore per tanti musicisti diversi come Chick Corea, Wayne Shorter, Herbie Hancock e Joshua Redman nel mondo del jazz, e Joni Mitchell, Daniel Lanois, Bob Dylan ed Emmylou Harris al di fuori.
Non sorprendentemente, la Fellowship Band ha realizzato solo quattro album, tra cui Landmarks, che sarà pubblicato prossimamente, da cui sono tratti i pezzi di questo concerto.
Ma i suoi membri - il co-fondatore e pianista Jon Cowherd, il bassista Chris Thomas, i sassofonisti Myron Walden e Melvin Butler - restano impegnati a fare musica quando  e dove possono.
Per la maggior parte, la band esplora le composizioni di Blade e Cowherd, i co-fondatori del gruppo che si incontrarono alla fine degli anni '80 alla Loyola University di New Orleans. La loro musica è diventata una miscela inebriante di jazz, folk, roots, gospel e altre influenze.
L'ultimo lavoro pubblicato è stato nel 2010, il magnifico Mama Rosa, che si concentrava principalmente sul songwriting di Blade. 

Nessun commento:

Posta un commento