mercoledì 20 novembre 2013

Joshua Redman Quartet questa sera su WDR3

Questa sera l'emitente tedesca WDR3 trasmetterà il concerto del Joshua Redman Quartet, registrato ad Amburgo lo scorso 24 maggio in occasione dell'ElbJazz Festival. Per l'occasione il sassofonista era accompagnato da Aaron Goldberg al piano, Reuben Rogers al basso e Gregory Hutchinson alla batteria.


Figlio d'arte, Joshua non si è mai fatto intimorire dall'ombra del padre, il grande sassofonista Dewey Redman, grazie al quale è entrato da giovanissimo in contatto con mostri sacri del jazz moderno come Ornette Coleman e Keith Jarrett. 
Al contrario, si è sempre distinto per la sua forte personalità a cominciare dall'esordio, al Village Vanguard nel 1990 e proprio insieme al padre, con il quale quindi non ha esitato a confrontarsi anche direttamente. 
Una personalità che si è poi rivelata appieno in progetti intriganti come l'Elastic Band, un tributo alla flessibilità creativa del groove per un atipico trio "elettrico" senza basso, con le tastiere di Sam Yahel e la batteria di Brian Blade, o come il quartetto James Farm. 
Dal 2004 al 2007 è stato direttore artistico dell'ensemble SF JAZZ Collective, un ottetto in continua evoluzione che negli anni ha visto ruotare solisti di vaglia come Joe Lovano o Dave Douglas per presentare al San Francisco Jazz Festival programmi originali dedicati ai grandi maestri, da Monk a Coltrane.
Ha anche scritto la colonna sonora per il regista Louis Malle, in Vanya sulla 42esima strada, e ha persino interpretato il ruolo di Lester Young nel film di Robert Alman, Kansas City, ma resta prima di tutto un "giovane leone" con molte frecce al suo arco espressivo. 
Non a caso, Redman si mostra perfettamente a suo agio anche alle prese con l'affascinante quanto rischiosa formula del trio "secco", ovvero senza strumento armonico, che va sperimentando da qualche anno in ottima compagnia.

Clicca sul player dell'emittente per ascoltare il concerto, questa sera a partire dalle ore 20,05

Nessun commento:

Posta un commento