mercoledì 16 ottobre 2013

Un sax rosa e italiano a New York sulle orme di Michael Brecker

Ha suonato per tanti anni con Les Paul all’Iridium Jazz Club di New York, dove il celeberrimo musicista e precursore della chitarra elettrica si esibiva tutti i lunedì sera. Basterebbe questo nome per rendere straordinario il curriculum musicale di Ada Rovatti, giovane sassofonista italiana residente da quindici anni a New York. 


E invece la lista dei big con cui ha lavorato è piuttosto lunga. Tra i più invidiabili, Aretha Franklin, Herbie Hancock, Bob Mintzer, Anne Ducros, la Brecker Brothers Band in cui figurano David Sanborn, Mike Stern, Will Lee, George Whitty e David Weckl. Ora per lei arriva un’altra occasione d’oro: prendere il posto dello scomparso Michael Brecker, pioniere negli anni ’70 e ’80 insieme con il fratello Randy del genere jazz-fusion. 
Originaria di Mortara (Pavia), Ada racconta di aver iniziato a suonare il sassofono a diciassette anni. “Ero una ragazzina che stava crescendo in un contesto tipicamente italiano, in cui prendere troppo iniziativa significava mettersi in mostra e quindi non andava bene. Quando chiesi di poter suonare il sax nella mia chiesa, le mie amiche pensarono che fossi una pazza, un’esibizionista. Io volevo soltanto suonare!” racconta Ada Rovatti che, ancora un po’ timidamente, mi confessa il rimpianto per non essere stata un po’ più sgamata, come le ragazzine di oggi. 
Dopo anni di studio ed esperienze in giro per il mondo Ada Rovatti trova a New York il posto ideale per coltivare il suo talento di compositrice e bandleader e per conquistarsi in piena libertà il suo posto al sole. E’ proprio infatti qui che la sua carriera spicca il volo. Nel corso degli anni inizia a suonare nei locali jazz più rinomati della Grande Mela e a lavorare come guest star per produzioni di grandi nomi, oltre a realizzare a suo nome tre cd, “Airbop, Ada Rovatti Quintet”, "Under the Hat” e “For Rent, Ada Rovatti & the Elephunk Band”, tutti con l’etichetta Apria Records. 
Il nuovo lavoro nel quale Ada prende il posto di Michael Brecker si intitola “Randy Brecker’s, The Brecker Brothers Band Reunion”, prodotto dalla Piloo Records e disponibile online e nei negozi americani da alcuni giorni. Prevede un DVD live con i brani storici scritti da Randy e Michael, e un cd contenente pezzi nuovi, suonati sempre dai musicisti che un tempo crearono lo stile fusion ma arrangiati utilizzando strumenti moderni. 
E’ un onore per me far parte della band perché ho l’opportunità di suonare con dei musicisti fantastici in situazioni incredibili e quindi imparo, cresco, miglioro musicalmente, anche se devo dire che la mia è una posizione abbastanza scomoda, per diverse ragioni” spiega Ada Rovatti, da alcuni anni moglie di Randy Brecker e madre di una bimba di quattro anni, Stella. “Tutto è iniziato improvvisamente. Non mi è mai stato chiesto ufficialmente di suonare nella band. Di colpo mi sono trovata nel gruppo. Un po’ senza saperlo mi è caduto addosso questo masso di responsabilità” sorride Ada, forse per sdrammatizzare. 
E’ quasi inevitabile infatti che tra il pubblico e la critica scatti il confronto con il grande Michael Brecker, “sebbene l’idea iniziale di Randy” ci spiega Ada Rovatti, “non fosse quella di rimpiazzare Michael con qualcuno che suonasse esattamente come suo fratello”. 
Il mondo delle sassofoniste donne è un posto popolato prevalentemente da uomini dove, spesso, il commento discriminatorio scappa facilmente. Ma nei licei degli Stati Uniti è sempre più diffusa tra le donne la passione per il sax. L’ultimo concorso della Thelonious Monk Competititon svoltosi lo scorso settembre è stato vinto da una ragazza cilena di 24 anni, sassofonista, Melissa Aldana. “Le cose più interessanti che ho sentito negli ultimi anni, sia a livello compositivo che solistico, sono arrivate proprio da donne” commenta Ada Rovatti. “Forse è questione di sensibilità”. 
Ada Rovatti si esibirrà in Italia il 15, 16, 17 novembre in tre tappe distinte, al Jazz club Milano, all’auditorium di Mortara e al Milestone di Piacenza. 
(Fonte La Stampa)

Nessun commento:

Posta un commento