venerdì 4 ottobre 2013

Patto con il Diavolo - Roberto Ottaviano

Arcthetics - Soffio Primitivo è il titolo del nuovo progetto discografico del sassofonista e compositore pugliese Roberto Ottaviano, prodotto da Dodicilune, distribuito da IRD e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Records.


Sei brani inediti ispirati alle liriche del poeta, musicista e operatore culturale barese Vittorino Curci e un pezzo della tradizione albanese riarrangiato dallo stesso Ottaviano, affiancato da un quartetto d’archi composto da Emanuele Parrini (violino), Paolo Botti (viola), Salvatore Maiore (violoncello) e Giovanni Maier (contrabbasso) e dalla batteria di Roberto Dani.
Il rapporto con la terra non ha mai influenzato in modo calligrafico e vincolante il modo di pensare e fare musica così come forse lo è stato per alcuni colleghi di Ottaviano. I contorni geografici ed i percorsi che dalle scogliere si addentrano nelle viscere delle Murge, della Valle d'Itria o degli assolati campi Salentini, così come i racconti della vita marittima, contadina o paesana, mai hanno dettato linee estetiche o un atteggiamento alle sue soluzioni artistiche.
Ancor più direttamente la Banda, i cantastorie, i ritmi sanguigni della Taranta come quelli della Moresca, non hanno mai impressionato più di tanto il sassofonista, al punto da dover "fare i conti" con il peso arcaico della loro presenza.
Eppure”, sottolinea Ottaviano, “avverto un legame ed una discendenza che si è tradotta e si traduce in quello che una volta definii il dinamismo del pescatore; un dinamismo che non dimentica lo spazio della riflessione e che apprezza la pausa per cogliere il raggio di sole, la brezza che porta l'odore del mare, un'aura per il viaggio lungo sia esso verso il nord più immaginifico così come solo nello spazio mentale. Bene, questo essere nella terra e tuttavia potersi considerare apolide, lo ritrovo nei versi e nella prosa del mio amico Vittorino Curci, alle cui liriche mi sono ispirato per questo lavoro, e per farlo ho desiderato un suono molto antico, quello degli archi e delle percussioni di straordinari compagni che hanno realizzato per me una "mappa" archeosonora di grande maestria e su cui ho cercato di liberare la mia identità, un soffio primitivo". 
La leggenda narra che il giovane bluesman statunitense Robert Johnson, scomparso nel 1938 a soli 27 anni, strinse un patto con il diavolo, chiedendo di poter suonare la chitarra come nessun altro al mondo in cambio della sua anima. 
Da questa storia fosca e misteriosa è nata l'idea per il video di Arcthetics - Soffio Primitivo, il nuovo progetto del sassofonista e compositore barese Roberto Ottaviano. 
Prodotto da Film Found Family produzioni cinematografiche, per la regia di Andrea Ferrante, il video si ispira a questo vecchio racconto blues, ormai leggendario, riambientato in Puglia. 
Il maestro Ottaviano cammina riflessivo verso un ulivo a cui chiederà il dono della stessa ispirazione.

Nessun commento:

Posta un commento