mercoledì 30 ottobre 2013

Monte-Carlo Jazz Festival 2013

Monte-Carlo SBM, in collaborazione con Rolex e Audi, sono fieri d’annunciare l’approssimarsi della nuova edizione del Monte-Carlo Jazz Festival, posta sotto l’Alto Patrocinio di S.A.S le Prince Alberto II.


Questa 8a edizione sarà ancora una volta appassionante ed eccezionale. Avrà luogo tra il 26 e il 30 novembre nelle cornice prestigiosa tradizionalmente riservata a tale evento: la Salle Garnier dell’Opéra di Monte-Carlo.
Questo luogo mitico, che appartiene a pieno titolo alla storia e alla leggenda di Monte-Carlo, vibrerà sulle note del jazz offrendovi uno straordinario viaggio musicale tra il jazz di ieri, d’oggi e di domani.
Il festival si svolgerà durante 5 giorni, che saranno costellati di momenti forti, tali da soddisfare ogni genere di pubblico: esperti, appassionati e semplici amatori di questo stile musicale.
Brad Mehldau e Mark Guiliana apriranno il festival il 26 novembre, conducendoci alle frontiere del jazz e del funk, con la loro nova creazione, chiamata «Mehliana». 
Nel corso della stessa serata, Larry Coryell & Juan Carmona Quartet, due giganti della chitarra, benché dallo stile diverso, condivideranno con il pubblico un incontro esplosivo, incrociando le loro passioni: flamenco e blues.
Mercoledì 27 novembre, ennesimo incontro con Marcus Miller Band per la nuova creazione concepita assieme all’Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo, diretta da Damon Gupton. Sin dal 2008, tra Marcus e l’Orchesta monegasca si sono creati forti legami. Per questo nuovo progetto, sono stati invitati a esibirsi su scena giovani talenti; il talentuoso Robert Glasper al piano, Kenn Hicks, cantante lirico ma alle frontiere del jazz, l’arpista brasilianio Edmar Castaneda e il sorprendente Grégoire Maret all’armonica.
Giovedì 28 novembre, con Remember Shakti, celebreremo quarant’anni amicizia e musica tra John McLaughlin e Zakir Hussain, alchimia perfetta e istanti magici.
La sera del 29 novembre sarà consacrata ai «giovani» talenti dell’odierna scena jazz europea. Raphael Gualazzi, pianista italiano, tra Paolo Conte e Harry Connick Jr, è sicuramente una delle future grandi star del jazz della nostra epoca. Eric Légnini, belga d’origine italiana, grande «alchimista», sa mescolare il jazz alle melodie pope all’afro-beat. Per concludere la serata coglieremo Kellylee Evans, cantante canadese d’origine giamaicana, una voce prodigiosa della nuova generazione jazz.
Sabato 30 novembre, festeggeremo insieme jazz, soul e funk, con artisti di gran prestigio: Maceo Parker, spalla di James Brown, nonché uno dei pilastri della musica funk. James Hunter, soul man e blues man inglese, e Charles Pasi, cantante affascinante e straordinario armonicista.

Nessun commento:

Posta un commento