lunedì 14 ottobre 2013

Kenny Burrell – Special Requests (And Other Favorites): Live At Catalina’s

Special Requests (And Other Favorites): Live At Catalina’s è un piacevole set dal vivo del leggendario chitarrista Kenny Burrell, che per l'occasione oltre che a catturare i suoi fan con l'ancora magistrale sound della sua chitarra, li coinvolge anche con la voce, introducendo molti dei pezzi del set.


Il formato qui è molto intimo e personale, con canzoni appositamente selezionate, che Burrell interpreta magnificamente, quasi sempre con quello suo tipico stile a linea singola che contrasta con i grandi toni e colori, sostenuto da un pacato quintetto che include Justo Almario al sax tenore e flauto, Tom Ranier al pianoforte, Tony Dumas al basso, e Clayton Cameron alla batteria, che forniscono un delicato equilibrio tra la loro eccellenza tecnica post-bop e la capacità di improvvisazione 
Registrato dal vivo al Catalina di Hollywood, nel novembre del 2012, queste piacevoli rielaborazioni sono, come indica il titolo, delle richieste particolari dei fan. 
Questa pubblicazione può essere considerata il seguito dell'eccellente Be Yourself: Live at Dizzy's Club Coca-Cola del 2010, anche esso pubblicato da High Note. 
Su queste 11 tracce, Burrell rende immancabilmente omaggio a Duke Ellington su "Sunset and the Mockingbird", "The Feeling of Jazz" e "In a Sentimental Mood", oltre a grandi reinterpretazioni di "Generation", "Killer Joe", di Benny Golson, della composizione di Freddie Hubbard "Little Sunflower", degli standard "Make Someone Happy", "Bye Bye Blackbird," e "The Summer Knows",  quindi "Lament " di J.J. Johnson ed il suo classico "Chitlins con Carne".
I fan delle prime sessioni di Burrell per la Blue Note devono essere consapevoli che il chitarrista era ancora in ottima forma nel 2012, e gli ascoltatori sicuramente potranno trovare ancora alcuni momenti piacevoli qui.
Come è apparso su una recensione pubblicata sul sito Audiophile Audition:
"With a guitar style that is founded on a bebop and blues tradition, Burrell initially made his name as a go to sideman in New York with a collection of renowned jazz musicians before his initial Blue Note session as a leader in 1956. Since then he has amassed an impressive catalogue of work with some outstanding titles such as Midnight Blue and Guitar Forms. While this particular release may not be of that caliber, it nevertheless captures the guitarist in front of a live audience supported by a band of sympathetic and splendid musicians playing compositions that resonated with a broad base of his listening public."

Nessun commento:

Posta un commento