venerdì 13 settembre 2013

Evan, nuovo album di Antonio Faraò con grandi star americane

Il nuovo progetto internazionale di Antonio Faraò,Evan”, si avvale della partecipazione di un cast stellare di musicisti americani; Joe Lovano al sax, Ira Coleman al contrabbasso e Jack DeJohnette alla batteria. Una scelta non casuale, sono musicisti che Antonio Faraò conosce bene da anni e con i quali ha già collaborato ed inciso. 


L’uscita mondiale di “Evan” è prevista per l’autunno 2013. Anche la produzione del disco è internazionale. Ed infatti il cd è stato registrato negli Stati Uniti (al Club House Studio di Rhinebeck |New York) e prodotto grazie ad una collaborazione discografica italo|francese tra la italiana Jando Music e la francese Cristal Records.
Antonio Faraò è da mettere senza dubbio fra i musicisti europei che hanno raggiunto uno standard espressivo al livello degli americani. Una qualità che gli è stata riconosciuta persino da Herbie Hanckock che scrive su lui “Non mi capita spesso di essere sorpreso da registrazioni di musicisti, come lo sono stato quando per la prima volta ascoltai uno degli ultimi CD di Antonio Faraò. Ciò che mi ha colpito è stata la sensazione che ho sentito dentro di me. C’è talmente tanto calore, convinzione e grinta nel suo modo di suonare. Mi ha immediatamente attratto la sua concezione armonica, la gioia dei suoi ritmi e il suo senso di swing, la grazia e il candore delle sue linee melodiche improvvisate…
Romano, classe ’65, è considerato dalla critica uno dei più interessanti musicisti jazz dell’ultima generazione. Ha collaborato con Miroslav Vitous, Jack Dejohnette, Chris Potter, Bob Berg,Jeff Tain Watts, Didier Lockwood, Billy Cobham, Christian Mc Bride, Lee Konitz… e, tra i protagonisti della musica leggera, la grande Mina.
Il suo stile è inconfondibile: una brillantezza tecnica con un impetuosa carica emotiva, una notevole vena compositiva e un travolgente senso ritmico.
Il prossimo 17 novembre, questa straordinaria formazione presenterà il nuovo album al Blue Note di Milano. 

Nessun commento:

Posta un commento