venerdì 27 settembre 2013

Bologna Jazz Festival 2013

L’ottava edizione del Bologna Jazz Festival, organizzata dall’Associazione Bologna in Musica con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Bologna, del main sponsor Gruppo Hera, della Fondazione del Monte, della Fondazione Carisbo e della Camera di Commercio, si terrà dal 26 ottobre al 27 novembre 2013.


Il festival verrà inaugurato dal ritorno in Europa di John McLaughlin e Zakir Hussain con lo speciale tour dal nome Remember Shakti, pensato per celebrare i 40 anni di amicizia e musica che li uniscono. Gli Shakti infatti nacquero alla fine del 1973, quando John Mclaughlin decise di sciogliere la prima e più celebre formazione della Mahavishnu Orchestra che aveva da poco pubblicato il leggendario Birds of Fire, per dedicarsi a un progetto totalmente acustico, di un genere che allora non aveva neanche un nome e che solo anni dopo il marketing avrebbe battezzato come World Music: un’inedita fusione di elementi jazz e rock occidentali e musiche di tradizioni diverse dell’India che affascinò anche Bologna, toccata da un tour mondiale del gruppo nel  ’77, e che tornerà dunque in città dopo 36 anni. (26 ottobre, Teatro Manzoni).
Un altro grande protagonista sarà il Jack DeJohnette Group feat. Don Byron (5 novembre, Teatro Duse), ovvero colui che è probabilmente il più grande batterista jazz in attività, titolare di innumerevoli progetti e collaborazioni (tra cui Gateway, New Directions, Special Edition, i Parallel Realities con Hancock e Metheny, e la trentennale militanza nel trio di Keith Jarrett), in uno straordinario quartetto che vede come ospite l’originalissimo strumentista e arrangiatore Don Byron. Il festival offrirà inoltre agli appassionati l’imperdibile occasione e porgli delle domande nel pomeriggio del concerto, in un incontro pubblico moderato dal critico Stefano Zenni (ingresso riservato ai possessori dell’abbonamento o del biglietto d’ingresso).
Infine il 27 novembre (Arena del Sole, Bologna), il concerto di chiusura del festival sarà affidato allo Jan Garbarek Group feat. Trilok Gurtu, ovvero una delle voci-simbolo che hanno plasmato il suono della ECM dal 1970 ad oggi (Officium, la sua collaborazione con lo Hilliard Ensemble, è a tutt’oggi tra i best seller assoluti dell’etichetta).
Autentico viaggiatore tra i mondi sonori di jazz, classica, ambient, melodie scandinave e world music, Garbarek si presenterà a Bologna a capo del suo acclamato quartetto formato dal tastierista tedesco Rainer Brüninghaus, il bassista brasiliano Yuri Daniel, e il polistrumentista indiano Trilok Gurtu.
Ma questi sono solo i tre nomi principali annunciati per ora: l’edizione 2013 del festival, di durata triplicata rispetto agli anni precedenti (da dieci giorni a un mese) porterà infatti con sé numerosi altri concerti di nomi acclamati a livello mondiale (tra cui, come produzione di Ferrara Musica, lo Stefano Bollani Danish Trio, il 18 novembre al Teatro Comunale estense, in un concerto dedicato ai dieci anni di collaborazione del pianista milanese con il bassista e batterista danesi Jesper Bodilsen e Morten Lund, nota “resident band” della fortunata serie di trasmissioni “Sostiene Bollani”), ed iniziative che si potranno scoprire annunciate progressivamente sul sito web del festival.
Per informazioni: www.bolognajazzfestival.com

Nessun commento:

Posta un commento