martedì 27 agosto 2013

Dave Holland - Prism

Nei 40 anni trascorsi dal suo debutto discografico come leader, il bassista, compositore e direttore d'orchestra Dave Holland ha prodotto una notevole serie di incisioni e di gruppi che documentano il suo eclettico percorso musicale. Su Prism, il suo nuovo lavoro discografico che sarà pubblicato il prossimo 3 settembre, per l'etichetta Dare2 Records (l'etichetta di proprietà del bassista), Holland presenta la sua nuova band (dello stesso nome), un quartetto di all-star che comprende Kevin Eubanks alla chitarra, Craig Taborn al pianoforte e Fender Rhodes e Eric Harland alla batteria. 


Con composizioni di ogni membro della band, Prism stabilisce una nuova direzione musicale per Holland - un quartetto senza fiati ma con un suono esplosivo e viscerale, che mantiene un approccio organico complessivo.
Prism, il primo album di Holland in quasi tre anni, è una viaggio elettrizzante che è ugualmente groove-oriented come è all'avanguardia. Il magazine Jazzwise ha descritto il nuovo progetto come  "... la più viscerale registrazione da molti anni, che richiama l'intransigente carica del suo lavoro con Miles [Davis] negli anni '70, e della sua band Extensions della fine degli anni '80." 
Holland crede che questa nuova direzione musicale sia dovuta alla strumentazione. "Il suono di questo gruppo è diverso da altri progetti che ho fatto in precedenza. La maggior parte dei miei gruppi avevano dei fiati e solo raramente ho lavorato con le tastiere. Ma questa volta volevo un suono diverso ed ho iniziato a pensare ad un quartetto con chitarra, pianoforte e  Fender Rhodes, basso e batteria. Che ha certamente consentito alcune differenti direzioni musicali."
Nel concepire il personale della band, Holland ha cercato di riunirsi con uno dei suoi collaboratori più antichi: il chitarrista Kevin Eubanks. I due cominciarono a lavorare insieme su vari progetti alla fine degli anni '80. Craig Taborn e Eric Harland si sono uniti al gruppo poco dopo, avendo entrambi lavorato con Holland in contesti diversi nel corso degli ultimi anni.
Benchè Prism possa sembrare superficialmente un album colorato elettronicamente (ciò dovuto in parte alla strumentazione), Holland ammette che il suono del gruppo si è sviluppato organicamente in diverse direzioni musicali e che le composizioni mostrano una band con una gamma molto più ampia da poter essere semplicemente classificata come "una band elettrica".
"Era in parte il suono che avevo immaginato, ma fu solo quando abbiamo cominciato a provare che il vero suono del gruppo è iniziato ad emergere", dice Holland. "E' stato interessante vedere come le composizioni che ognuno di noi ha portato, riflettono le diverse idee per la direzione che la musica poteva prendere, idee che abbiamo messo insieme per creare una raccolta omogenea" 

Nessun commento:

Posta un commento