sabato 2 febbraio 2013

Nicola Angelucci - Beyond The Drums

Si intitola Beyond the Drums il nuovo lavoro discografico di Nicola Angelucci, realizzato dopo The First One sempre per la Via Veneto Jazz. 


In questo lavoro Angelucci conferma la sua capacità tecnica, il talento, la profonda conoscenza del jazz e della sua storia e la sua curiosità verso la musica contemporanea, di ogni genere e radice, oltre alle sue spiccate doti improvvisative e alla solarità del suo fare musica che si respira dal cd e si vive appieno vedendolo nelle performance live.
Le composizioni di Beyond the Drums richiamano le melodie di Duke, avvolgono con suoni mediterranei e trascinano ricordando il Soul e l’R&B degli anni 70, offrendo una sequenza di brani che nel loro alternarsi disegnano un quadro musicale praticamente perfetto. 
A questi si affianca Bones, il brano che Peter Bernstein, guest star del quartetto ha omaggiato al leader.
La bravura di Angelucci, che ha sempre dichiarato che la batteria deve essere al servizio della musica, sta anche nella scelta dei compagni di viaggio, giovani e talentuosi musicisti con un interplay fenomenale tra di loro, che lasciano trasparire facilmente all’ascoltatore, e capaci allo stesso tempo di arricchire tutto il progetto con i loro virtuosismi e la loro sensibilità.
Al sax alto Paolo Recchia, raffinato musicista, avvicinato da molti all’immagine di Benny Carter, che con la sua sensibilità e cultura musicale è riuscito a imparare e raccogliere il meglio della storia del sax esprimendolo in modo assolutamente personale.
Al pianoforte Roberto Tarenzi, strumentista elegantissimo, capace di regalare ad ogni solo strutture armoniche e melodiche sorprendenti.
Al contrabbasso Francesco Puglisi, contrabbassista di indiscussa esperienza, che insieme a Angelucci, struttura una sezione ritmica praticamente perfetta cesellata sulla tecnica e impreziosita su originalissimi solo.
Padrino ideale di questo quartetto, il chitarrista Peter Bernstein, che oltre a regalare il suo talento unico al gruppo, suona con l’interplay di chi conosce i suoi colleghi alla perfezione e da lunghi anni.
Del leader Nicola Angelucci, Bernstein ha detto “un grande musicista che trasmette suonando la gioia di vivere. Un batterista sensibile che guarda indietro, alla storia del jazz, ma si concentra sul futuro, a nuove sorprese e a una grande musica… qualcuno che rimarrà a lungo nel panorama musicale perché ricorda a tutti che la musica è comunicazione”.
Beyond the Drums rappresenta infatti quello che è l’essenza di Nicola Angelucci: capacità, talento, passione e divertimento… perché la vita, senza la musica (e la batteria) sarebbe molto più noiosa…

Nessun commento:

Posta un commento