lunedì 18 febbraio 2013

Con il Jazz la Rai fa ancora cilecca

Sul blog A Proposito di Jazz, è stato pubblicato un bel post di Gerlando Gatto, sul programma, trasmesso qualche giorno fa su Rai 3, Crossover-Jazzology, che presentava delle interviste ad alcuni rappresentanti italiani e stranieri per commentare gli stili, le forme e le influenze del jazz, che mi sento di condividere in pieno.


Ora io penso che quando si studia un qualsivoglia evento di comunicazione bisogna aver ben presente quello che si chiama “target” ossia il pubblico cui ci si riferisce. 
Ebbene se il pubblico di riferimento di “Jazzology” doveva essere un insieme di persone che poco o nulla sanno di jazz e che quindi abbisognano di essere informati, ebbene dal programma in oggetto poco o nulla si capiva circa l’essenza del jazz, la sua storia, le sue attuali tendenze… anche perché i personaggi scelti non erano tutti particolarmente significativi… così come i brani mandati in onda, nessuno fino alla fine e tutti senza indicazione di titolo. 
Così abbiamo visto, tra gli altri, molti amici alcuni noti, altri meno noti quali Xavier Girotto, Nicola Mingo, Gegé Telesforo, Gegé Munari, Giorgio Rosciglione, Natalio Mangalavite, Antonio Onorato, Marco Zurzolo ma senza un minimo di descrizione su chi fossero i personaggi mandati in onda.
Se invece il pubblico di riferimento doveva essere composto da appassionati e intenditori, le cose vanno ancora peggio. 
Come si diceva tutti i brani interrotti, le interviste veloci ma niente affatto esaurienti, nessun discorso che avesse un inizio logico, uno sviluppo ed una conclusione.
Ma è davvero così difficile mettersi attorno ad un tavolino, stabilire un argomento che merita di essere trattato e comportarsi di conseguenza facendo capire al telespettatore di che stiamo parlando tramite, ovviamente, l’ausilio della musica (eseguita da artisti degni di tal nome dato che siamo nelle Televisione di Stato) ed interviste che però siano degne di tal nome?...
(leggi il post integrale sul blog originario)

Nessun commento:

Posta un commento