martedì 19 febbraio 2013

Barbara Casini e Paolo Silvestri "Agora Tá" a Faenza

La più accreditata interprete vocale italiana di musica brasiliana, Barbara Casini, insieme ad uno dei più brillanti arrangiatori contemporanei, Paolo Silvestri, presentano il loro nuovo CD Agora tà dedicato agli autori brasiliani Elis Regina, Edu Lobo, Choco Buarque e Milton Nascimento. Il duo si esibirà insieme alla “Sarti Big Band” di Faenza e alla USP Jazz di Ribeirao Preto (San Paolo del Brasile), martedì 26 febbraio 2013 alle 21.00 al Teatro Masini di Faenza, a chiusura della prima edizione di ERF in winter.


Agora tá è soprattutto un omaggio a Elis Regina, cantante brasiliana dalla vita tormentata scomparsa prematuramente nel 1982, da parte di una delle più appassionate interpreti della musica brasiliana, Barbara Casini, senz'altro la più autorevole interprete italiana della sensibilità musicale brasiliana, collaboratrice di Stefano Bollani, Enrico Rava e Giovanni Tommaso, con interpretazioni dalle quali emergono la sua profonda conoscenza della musica del Brasile e la grande passione che la anima.
Un lavoro frutto di grande costanza e prospettiva. Il percorso nel jazz e, soprattutto, nella musica brasiliana di Barbara Casini, la visione orchestrale matura di Paolo Silvestri e la solidità e la lunga esperienza dell'Orchestra Jazz della Sardegna. 
Agora Tá è un lavoro vario e mette in evidenza la potenzialità dell'incontro tra i vari attori coinvolti. Se si considera il repertorio, questo è orientato in modo deciso verso il Brasile e in generale verso il Sud America: uno sguardo, però, non rivolto ai classici della bossa nova o ai grandi maestri conosciuti anche al grande pubblico, ma una scelta di canzoni dal song-book di autori comunque di gran pregio ma di norma meno "battuti" nelle scelte degli interpreti. È il riflesso dei molti progetti della cantante toscana - nel disco viene ripreso anche Cidade do amor demais, composto da Barbara Casini e Enrico Rava e presente in Vento, disco realizzato per Label Bleu alla fine degli anni '90 - sempre aperti alle tanti anime di un mondo vasto, pullulante di sfumature stilistiche e personalità interessanti, continuamente capace di proporre evoluzioni e nuovi interpreti. La scelta operata per questo disco va da Ary Barroso a Milton Nascimento, passando per Sergio Natureza, Jacob do Bandolim, l'uruguaiano Jaime Roos e Pedro Caetano: in pratica, la risposta più efficace a uno spettro ampio che abbraccia Musica Popular Brasiliana, samba e bossa nova e richiama, pur senza affrontarle tutte, le influenze dei tanti ritmi provenienti dal Brasile. 
Il lavoro di Paolo Silvestri si muove sulla varietà delle ispirazioni e del materiale, sulla qualità dello stesso e, va sottolineato, della scelta. Il punto di equilibrio seguito dagli arrangiamenti è unire gli accenti originari del materiale con il mondo espressivo di una big band jazz, senza snaturare né i primi né il secondo. La particolare conformazione dell'orchestra - la sezione dei tromboni è formata da due tromboni e due corni - offre una felice screziatura nei colori e nei suoni, dal vago accento cinematografico soprattutto quando Silvestri gioca con le sospensioni e negli spazi più rarefatti. L'equilibrio delle dinamiche, infatti, permette di passare con agilità dal vuoto al pieno, dal sussurrato ai corali più esplosivi. 
Ad ampliare ulteriormente lo spettro sonoro ed espressivo entrano You've Changed, una delle ballad più malinconiche del repertorio degli standard resa in maniera morbida grazie a un intervento continuo e mirato dei fiati e il medley tra Y es asi di Jaime Roos e Passion Dance di McCoy Tyner. 
La varietà del materiale e le scelte poco consuete rendono il lavoro sfaccettato, capace di proporre una visione personale, ma anche capace di suscitare curiosità per autori e brani. La libertà di potersi muovere in brani ben aderenti al repertorio del genere di appartenenza ma non consolidati nelle orecchie dei musicisti e degli ascoltatori da centinaia di esecuzioni permette a Paolo Silvestri, in sede di arrangiamento e direzione, e a Barbara Casini e all'Orchestra Jazz della Sardegna, in sede di esecuzione, di rileggere con freschezza le pagine scelte e di dare al percorso di Agora Tá un andamento fluido ed elegante.


Nessun commento:

Posta un commento