martedì 15 gennaio 2013

NEA Jazz Masters Awards 2013 in video webcast

La scorsa notte la National Endowment for the Arts ha premiato i suoi Jazz Master per il 2013 in una cerimonia e concerto al Jazz at Lincoln Center di New York.


I Jazz Masters della National Endowment for the Arts sono le più alte onorificenze che il governo americano conferisce ai musicisti jazz. Queste borse di studio sono un riconoscimento dato a questa magnifica forma d'arte, così profondamente radicata nella cultura americana, che rappresenta uno dei più grandi doni dell'America al mondo.
Ognuno dei quattro vincitori dell'edizione 2013 dei NEA Jazz Masters è un artista distintivo, il cui contributo ha significativamente contribuito ad arricchire ulteriormente il jazz ed alla crescita di questa forma d'arte:
Mose Allison non è solo un talento superiore come strumentista e cantante, ma anche come songwriter. Eccellente sia nel blues che nel jazz, ama sfidare le classificazioni ed è una grande influenza per innumerevoli musicisti, a prescindere dal genere, da oltre 50 anni.
Il distintivo sassofono contralto di Lou Donaldson, intriso di blues, è una forza nel jazz da più di sei decenni. I suoi primi lavori con il trombettista Clifford Brown sono considerati tra le prime incursioni nel hard bop, e le sue registrazioni con l'organista, e NEA Jazz Master, Jimmy Smith hanno portato al jazz-groove degli anni '60 e '70.
Un paradiso per il jazz per più di 55 anni, il Village Vanguard è il più duraturo jazz club di New York City ed ancora oggi mantiene intatta la sua forza sotto la proprietà di Lorraine Gordon. Dal 1957, quando il NEA Jazz Master Sonny Rollins registrò una delle prime sessioni di registrazione presso il club, il Vanguard è stato il luogo ideale per registrare album dal vivo di jazz, grazie ad una acustica eccezionale e ad uno spazio intimo.
Conosciuto come uno dei migliori pianisti jazz latino degli ultimi 50 anni, Eddie Palmieri è anche conosciuto come  direttore di orchestre jazz, sia salsa che latine.
La sua musica fonde abilmente il ritmo di Puerto Rico con la melodia e la complessità delle sue influenze jazz: Thelonious Monk e i NEA Jazz Masters Herbie Hancock e McCoy Tyner.
Ogni anno dal 1982, la National Endowment for the Arts conferisce il NEA Jazz Masters Award a leggende viventi che hanno dato un grande contributo al jazz.
Con gli eletti di quest'anno, sono 128 i premi dati a grandi del jazz americano, tra cui Count Basie, George Benson, Art Blakey, Dave Brubeck, Betty Carter, Ornette Coleman, Miles Davis, Roy Eldridge, Ella Fitzgerald, Dizzy Gillespie, Lionel Hampton, Herbie Hancock, Elvin Jones, John Levy, Abbey Lincoln, Max Roach, Sonny Rollins, Cecil Taylor, Sarah Vaughan, Nancy Wilson e Teddy Wilson.

Per chi non ha potuto assistere al concerto in diretta, ecco la registrazione integrale di questa prestigiosa manifestazione (il concerto inizia circa al minuto 28'):

Nessun commento:

Posta un commento