giovedì 17 gennaio 2013

Il trio di Paolo Birro a Padova

Sabato 19 gennaio riparte alla Risorta Osteria del Refosco a Padova, la programmazione di Ombre di Jazz con il Vicentrio di Paolo Birro, Federico Malaman e Mauro Beggio.


Sarà un trio di fuoriclasse vicentini quello che riaprirà la stagione 2013 di Ombre di Jazz, rassegna all’insegna del connubio tra buona musica e buona cucina, ideata e diretta dal batterista e compositore jazz Tommaso Cappellato e ospitata alla Risorta Osteria del Refosco di Padova. L’orario di inizio è previsto per le ore 21.30, l’ingresso è libero ma è consigliata la prenotazione anche a chi volesse arrivare in anticipo e gustarsi una cena, dalle ore 20.30, a base di piatti tipici della tradizione e "un'ombra" di vino. 
Sul palco della Risorta salirà il Vicentrio formato da Paolo Birro, al pianoforte, Federico Malaman al contrabbasso e Mauro Beggio alla batteria. Vicentini di nascita e strumentisti di fama internazionale daranno vita ad un concerto speciale, fiore all'occhiello della rassegna. La centralità del ritmo sarà il punto di partenza per la costruzione di un inedito repertorio e l’esplorazione di ambiti inconsueti su cui improvvisare.
La rassegna Ombre di Jazz esprime la volontà di creare un luogo di aggregazione alternativo ai classici spazi d'ascolto, dove poter fare cultura non solo musicale. «In queste serate - spiega Tommaso Cappellato, direttore artistico - sarà coronato l’incontro tra più generazioni a ricordare come il jazz rimanga una disciplina tramandata attraverso l’esperienza diretta, l’ascolto e lo scambio; una musica intellettuale, spirituale e romantica il cui scopo é quello di arrivare al cuore e far pensare».
Nato a Noventa Vicentina (VI) nel 1962, Paolo Birro ha conseguito il diploma in pianoforte presso il Conservatorio di Vicenza sotto la guida del maestro Carlo Mazzoli, ottenendo il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. Nel 1996 è stato nominato “Miglior Nuovo Talento” nel referendum della critica specializzata indetto dalla rivista "Musica Jazz". Nel corso della sua carriera ha collaborato con artisti di fama internazionale e partecipato ai più noti festival jazz nazionali e internazionali. 
Ha tenuto stages di pianoforte jazz, improvvisazione e musica d’insieme e dal 2003 e’ docente presso il Conservatorio di Vicenza. E’ autore (insieme a Rossano Sportiello) del volume “Master in Piano Jazz” edito da Ricordi e ha scritto articoli pubblicati sulle riviste Musica Oggi e JazzIt. Ha registrato numerosi dischi come solista, leader e come sideman. Nel settembre 2012 ha pubblicato per la Almar Records “Monk’s favorites”una interpretazione in solo piano di una scelta delle canzoni che Thelonious Monk prediligeva e aveva in repertorio.
Nato, anche lui a Noventa Vicentina nel 1979, Federico Malaman è bassita, contrabbassista e arrangiatore. Diplomato in contrabbasso al conservatorio di Verona “E. Dall’Abaco”, ha collaborato, in qualita' di contrabbassista con varie orchestre di musica classica, tra le quali l'Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l'Orchestra Giovanile del Veneto, l'Orchestra Filarmonica Italiana di Trento, e l'Orchestra Filarmonica di Verona. Dal 1999 collabora con l'artista Paolo Belli con il quale ha registrato i dischi "A Me Mi Piace... lo swing" (2000), "Belli... dentro" (2001), "Belli e pupe" (2002), in qualita' di bassista contrabbassista e tastierista. Inoltre ha registrato i bassi e contrabbassi della colonna sonora del film "Al momento giusto" di Giorgio Panariello e delle musiche del musical "Deus Ex Machina" diretto dall'attore Pino Quartullo. Assieme a Paolo Belli dal 1999 ad oggi, partecipa alle tourne estive come contrabbassista bassista e corista.
Mauro Beggio e' nato a Valdagno (Vicenza) nel 1970 ed ha iniziato a studiare la batteria quando aveva tredici anni, frequentando la "Scuola Popolare di Musica Dizzy Gillespie" di Bassano del Grappa e partecipando a drums-clinics di musicisti come: Peter Erskine, Tommy Campbell, Jon Christensen e Roberto Gatto. Dal 1987 collabora con Enrico Rava con il quale ha iniziato a collaborare dal gennaio '87 partecipando ad importanti jazz festival italiani e stranieri, oltre a numerose trasmissioni radiofoniche e televisive in reti italiane ed estere. Nello stesso anno, con l'Enrico Rava Quartet, ha inciso il suo primo LP dal titolo "Animals" ed e' stato eletto, dalla rivista "Musica Jazz", quarto miglior nuovo talento italiano (primo in qualità di batterista). Da quando ha iniziato la carriera professionistica, ha avuto modo di alternarsi tra formazioni precostituite (Enrico Rava Quartet, Enrico Pieranunzi Trio, Quartetto di Claudio Fasoli, Rachel Gould Quintet, Gibellini -Tavolazzi-Beggio Trio, Lydian Sound Orchestra, ecc.) ed un'intensa attività di freelancer suonando con importanti musicisti italiani e stranieri quali come: Johnny Griffin, Toots Thielemans, Lee Konitz, Palle Danielsson, Franco ambrosetti, Paul Bley (con il quale incide il CD "One Year After"), Franco D'Andrea, Guido Manusardi, Stefano Bollani, Massimo Urbani.

Nessun commento:

Posta un commento