venerdì 4 gennaio 2013

Fabrizio Bosso "Spiritual" alla Casa del Jazz di Roma

Giovedì 10 gennaio alla Casa del Jazz, Fabrizio Bosso, con l’organo e il piano di Alberto Marsico e la batteria di Alessandro Minetto, presenta uno dei suoi progetti live più divertenti: Spiritual, evidente omaggio in chiave soul alla tradizione gospel.


La memoria del passato e l’energia di nuovi linguaggi si alternano e alimentano la carica deflagrante della musica di un organ trio molto adrenalinico. 
Progetto nato nel 2008 sulla matrice comune della black music, tende a esplorare per lo più un repertorio di tipo tradizionale nel quale spiccano grandi classici come Down by the Riverside, Amen, il più noto When the Saint Go Marchin’in e Amazing Grace, quell’inno molto amato dalla comunità afroamericana che per assurdo fu composto proprio da un mercante di schiavi.
Le sonorità di Spiritual invadono pacificamente i sensi e l’anima, richiamando alla memoria quella frase pulsante dai Salmi di Davide che Mahalia Jackson amava ripetere trasformandola in musica ipnotica: “Let’s make a joyful noise unto the Lord!” (Leviamo un gioioso frastuono in gloria del Signore!). 
La maestosa cantante, creatura straordinaria dei torridi e palpitanti circuiti gospel di New Orleans e Chicago, a quell’imperioso richiamo biblico rispondeva nel modo più diretto ed esuberante, lasciando che la sua voce si librasse sulle alidi un'ispirazione schietta, liberatoria, e combinando la sua ardente devozione tanto a un senso palpabile che a una potente sensualità lirica. 
Così, alla loro maniera altrettanto peculiare e verace, fanno i tre jazzisti piemontesi: scatenano un gioioso e ben controllato frastuono in cerca di alte vette spirituali mentre swingano con la più rocciosa e carnale eloquenza. 
Reduce dal successo di Enchantment, l’omaggio a Nino Rota inciso con la London Symphony e da Vamos, inciso con i Latin Mood, Fabrizio Bosso ha pubblicato il 22 novembre il nuovo album Face to Face con il fisarmonicista Luciano Biondini.

Nessun commento:

Posta un commento