martedì 11 dicembre 2012

Miguel Zenón's Rayuela Quartet, Live at Newport Jazz 2012 (audio)

L'altosassofonista Miguel Zenón lo scorso 5 agosto è stato ospite del celebre Newport Jazz Festival dove ha presentato il suo ultimo progetto Rayuela accompagnato da Laurent Coq al piano, Dana Leong, al violoncello e trombone e Dan Weiss, alla batteria e tabla.


Il nuovo album in quartetto di Miguel Zenon e del pianista Laurent Coq s'intitola Rayuela, che significa "gioco della campana". Prende il nome dal romanzo di Julio Cortázar, la storia frammentata di un errante bohémien e dei suoi circoli sociali nell'esilio parigino, e del suo ritorno a casa a Buenos Aires.
Queste situazioni si adattano perfettamente ad una collaborazione tra due mondi, un francese ed un americano di lingua spagnola. Il libro è espansivo, elegante, arioso, romantico e, talvolta, come un sogno inquietante, e la musica racconta tutti queste sensazioni.
Julio Cortázar ideò una forma originale per Rayuela, dandovi due modi di leggere il romanzo. Si può andare dritto al capitolo 56 e poi fermarsi, facendo circa tre quinti del cammino, oppure si può seguire un percorso errante che egli pone attraverso tutti i 155 capitoli, ma ci si può lanciare avanti e indietro tra la parte anteriore e posteriore del libro, prima di finire in un ciclo. 
Il risultato dà un senso di dislocazione che si affianca a quella del suo eroe espatriato. Ricorda la mano sinistra di un pianista stride mentre fa la spola su e giù per la tastiera. E' decisamente jazzy, e ciò dà ai musicisti, che eseguono dei riff sul concetto, un grande spazio di movimento.
La maggior parte delle composizioni che Miguel Zenon e Laurent Coq hanno scritto per l'album sono ispirate dai personaggi del romanzo o da episodi, ma anche si confrontano con la sua forma.
L'ordine alternativo dei capitoli del libro suggerisce una analogia con il suonare la musica in ordine casuale, e il confezionamento dell'album suggerisce tranquillamente almeno un altro paio di modi di mettere in sequenza le sue tracce.
Gli altri componenti del quartetto rafforzarno il sapore bi-continentale. Dana Leong suona un trombone jazz prettamente americano ed un romantico violoncello europeo, anche se lo fa fluttuando su entrambi i generi. Dan Weiss suona la normale e quella a mano dell'India del Nord, la tabla. Al di fuori del loro contesto abituale, sono un segnale di dislocazione.
Alcuni testi blues e jazz si intrufolano nel romanzo di Cortázar, dove i suoi personaggi di tanto in tanto ascoltano e discutono di vecchi dischi. Così c'è una giusta inversione di tendenza per gli improvvisatori, che guardano al romanzo in cerca di idee.
Gli artisti curiosi vanno sempre alla ricerca oltre il loro cortile di casa, ciò che spesso li spinge ad uscire di casa ed andare avanti. Il francese Laurent Coq e il portoricano Miguel Zenon si sono conosciuti a New York, la città degli outsider che diventano insider, senza dimenticare ciò che li ha portati li. (Fonte Npr)

Ecco lo streaming audio del concerto al Newport Jazz Festival offerto dalla Npr:

3 commenti:

  1. Questo Rayuela Quartet [mi] fa pensare a un jazz da vivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda te! Esiste anche un album con il jazz di Julio Cortázar http://youtu.be/NGEosI6cszY

      Elimina
    2. Accidenti! Il Rayuela Quartet era a Ferrara il 29 Aprile scorso. Me lo sono perso [http://lanuovaferrara.gelocal.it/tempo-libero/musica/evento/miguel_zenon_laurent_coq_rayuela_quartet-4300.html]

      Elimina