sabato 15 dicembre 2012

John Zorn - The Concealed

Combinando il suono di due dei gruppi più popolari e amati di John Zorn, come Bar Kokhba e The Dreamers, The Concealed è un viaggio sonoro pieno di stupore, esaltazione e mistero.


Per l'ultimo volume della serie di opere mistiche del 21° secolo, Zorn presenta il suo dinamico quartetto Nova Express con l'aggiunta dei brillanti maestri degli archi come Erik Friedlander e Mark Feldman, creando un notevole sestetto di all-stars che si combina e ricombina in una varietà di potenti formazioni da camera di piccole dimensioni.
Con arrangiamenti che variano da brani solistici a trii, quartetti e naturalmente il lussureggiante suono esotico del sestetto al completo, la musica qui presentata è lirica, enigmatica e di sorprendente bellezza.
John Zorn sta scrivendo e registrando composizioni "mistiche" sin dall'inzio del 21° secolo. Più di recente, questi composizioni sono state raccolte su album quali In Search of the Miraculous, Goddess: Music for the Ancient of Days, At the Gates of Paradise, the Gnostic Preludes: Music of Splendor, e Vision In Blakelight.
The Concealed è un aggiunta a quel corpo di lavoro con l'aggiunta di un tocco irresistibile. Zorn accoppia il suo Quartetto Nova (John Medeski, pianoforte, Kenny Wollesen, vibrafono, Trevor Dunn, basso, Joey Barron, batteria) con il violoncellista Erik Friedlander e il violinista Mark Feldman.
Il compositore ha già usato questo approccio per la registrazione di Bar Kokbha nel 1996, giustapponendo il gruppo Masada con questi stessi musicisti ad archi.
Le fonti musicali sono molteplici: klezmer e folk sefardita, musica spagnola, jazz moderno, il marchio di Zorn di esotismo e musica classica moderna solo per citarne alcune.
Pur essendo queste varie radici musicali facilmente identificabili, esse sono fuse perfettamente ed in maniera espansiva con altre nel enciclopedico linguaggio musicale di Zorn.
Per la sua accessibilità e per il sognante puro lirismo, The Concealed sembra un recital di canti sacri, radicato nella storia e stratificato nel mistero, interpretato attraverso il doppio ruolo di Zorn come compositore e medium.

Nessun commento:

Posta un commento