martedì 20 novembre 2012

Roberto Bonati Trio a Radiotre Suite

Questa sera Radio3 della Rai trasmetterà il concerto del trio di Roberto Bonati, registrato al Teatro Regio di Parma il 21.10.2011 nell'ambito della rassegna Parmajazz Frontiere 2011. Il trio per l'occasione era composto da:  Alberto Tacchini al pianoforte; Roberto Dani alla batteria e percussioni; Roberto Bonati al contrabbasso, che ha presentato il progetto Tacea la notte placida.


Tacea la notte Placida è un progetto di ParmaFrontiere pensato per il Festival Verdi dello scorso anno costruito su alcune composizioni di Bonati ed un breve ma sentito omaggio a Verdi nel solco di un percorso che già aveva dato vita, nel 2001, in occasione del centenario verdiano, al progetto The Blanket of the Dark, a Study for Lady Macbeth con la ParmaFrontiere Orchestra. 
In questa occasione del Festival Verdi 2011, Bonati torna alla formazione, da lui tanto amata e frequentata, del trio con pianoforte. 
Una formazione cameristica ed intima che ha una lunga tradizione con la quale confrontarsi e all’interno della quale importantissimo è trovare una modalità espressiva e contenutistica nella quale le forme interiori corrispondano alle forme della musica. 
Senza dimenticare l’attenzione e la prefigurazione degli spazi fisici che accoglieranno i suoni. 
Fondamentali compagni di viaggio in questa avventura Alberto Tacchini e Roberto Dani, vicini da sempre per affinità di vedute e di prospettive, e per l’empatia nell’esplorare insieme a Bonati ancora un volta il rapporto tra composizione e improvvisazione.
Come ha avuto modo di specificare Bonati stesso, “Ho scritto nuova musica per questo trio con l’idea di guardare alle sue peculiarità da una nuova prospettiva, considerando i tre musicisti come solisti di un gruppo da camera. Le composizioni sono strutturate per trovare una possibilità di sviluppo attraverso l’improvvisazione, per aprire la musica a forme sempre diverse. L’improvvisazione non avviene all’interno di una forma prestabilita ma trova nuovi spazi in cui accadere. La musica è in continuo mutamento come sotto l’effetto di luci diverse che illuminano (o oscurano) la forma dei brani.  Come guardare allo stesso soggetto da diversi punti di vista scoprendo ogni volta sfumature e ombre segrete. Creando uno spazio all’interno della musica, uno spazio in cui le forme interiori e quelle esteriori possano coincidere e la musica possa cantare.
Compositore, contrabbassista, direttore d'orchestra, Roberto Bonati è docente di Jazz presso il Conservatorio Boito di Parma. Attivo sulla scena italiana dal 1980, ha collaborato con i migliori musicisti italiani e con importanti musicisti stranieri, partecipando a festival in  tutto il mondo.
Ha fondato la ParmaFrontiere Orchestra con la quale ha realizzato numerosi progetti e concerti, diventati cd: Le Rêve du Jongleur, …poi nella serena luce…, The Blanket of the Dark, A Silvery Silence, con il quale si classifica  tra i primissimi nel Top Jazz 2008.
Del 2007 è il cd Un sospeso silenzio in Quintetto dedicato a Pier Paolo Pasolini.
Ha collaborato con Gianluigi Trovesi e Giorgio Gaslini partecipando a cd come Fugace, Les Hommes Armès con l’ottetto di Trovesi e a Cantos, Ballets o Mister O con Giorgio Gaslini.

Clicca qui per ascoltare il concerto questa sera a partire dalle ore 22,50.

Questo video è tratto dal concerto:

Nessun commento:

Posta un commento