giovedì 29 novembre 2012

Hendrix era diretto verso la jazz-fusion

Sul blog del quotidiano SeattleWeekly, lo scrittore Steven Roby biografo di Jimi Hendrix ed autore del libro di prossima uscita Hendrix on Hendrix, in occasione del 70° anniversario della nascita del leggendario chitarrista ha scritto un interessante articolo sulla direzione che stava prendendo la carriera di Hendrix, interrotta dalla sua morte prematura.


Ecco un estratto dell'articolo:
"Jimi Hendrix era unico. L'icona di Seattle ha influenzato tutti, dai pittori ai musicisti, ma dire che la sua successiva direzione musicale sarebbe stata un gruppo pop/disco, non ha alcun senso. 
In una recente intervista, Janie Hendrix, sorellastra di Jimi, ha detto che ciò a cui Hendrix puntava nel 1969, era a quello che poi sarebbero diventati gli Earth Wind & Fire. 
Probabilmente la signora Hendrix ha dei ricordi confusi, o forse voleva dire Chicago, o forse Blood, Sweat and Tears, poiché gli Earth, Wind & Fire in realtà non giunsero all'attenzione nazionale fino al 1975 con il loro hit Shining Star. O forse il fatto che una volta era sposata con un chitarrista degli E.W.F. aveva qualcosa a che fare con la sua dichiarazione.
Mentre scrivevo il mio libro, Hendrix on Hendrix, ho saputo che pochi giorni prima della sua morte nel 1970, Hendrix disse ad un giornalista che odiava essere etichettato solo come un chitarrista, e voleva essere parte di una grande nuova espansione musicale. "Sono arrivato alla fine di una cosa, ed è il momento di andare in un altra", disse Hendrix, "l'inizio di qualcosa d'altro."
Le estese jam di registrazione di Hendrix del 1969 indicano come fosse pronto ad uscire dal rock psichedelico ed entrare nella jazz-fusion, che non appariva proprio come la pop/disco degli Earth Wind & Fire.
Queste prime escursioni fusion a cui Hendrix prese parte, ottennero il rispetto di musicisti di altri generi. "Era un rivoluzionario come Coltrane", ha osservato il chitarrista John McLaughlin.
Anche il grande trombettista Miles Davis vide del potenziale nella collaborazione con Hendrix. "A Jimi piaceva quello che avevo fatto su Kind of Blue ... e voleva aggiungere ancora più elementi jazz in quello che stava facendo" disse Davis.
Alcune delle idee che Hendrix portò via dal suo periodo con McLaughlin e Davis possono essere ascoltate sulla registrazione dal vivo di Machine Gun, e, a sua volta, l'influenza di Jimi è piuttosto evidente nelle sessioni di Bitches Brew di Davis.
La sua formazione di breve durata Band of Gypsys aveva un un collegamento più stretto con i Funkadelic piuttosto che a ciò a cui gli E.W.& F. stavano lavorando negli anni '70. Basta ascoltare i loro primi tre LP, e l'influenza che Hendrix aveva sul chitarrista Eddie Hazel è piuttosto evidente.
Oltre al jazz e al funk, alcuni nel circolo dell'hip-hop e del rap danno credito a Hendrix di aver inserito il primo "scratch" su disco con la sua canzone del 1967 Are You Experienced.
L'impatto di Hendrix è evidente in artisti come i Beastie Boys (Jimmy James), A Tribe Called Quest (If The Papes Come), e Digital Underground (The Way We Swing).
Le iniziali radici del rap possono essere ricondotte ad uno stile di poesia da prigione del sud chiamata Jail Toast, dove i detenuti raccontavano storie selvaggie su ciò che accadeva per le strade del ghetto. 
Nel 1969, Hendrix registrò una sessione di 13 minuti con Jalal Mansur Nuriddin, l'interprete principale di The Last Poets che aprì la strada a questa prima forma di rap. "La traccia fu chiamata 'Doriella Du Fontaine'", e fu il primo disco di rap di sempre", ha ricordato il produttore Alan Douglas, "anche se non era ancora stata chiamata rap."
Se Hendrix fosse vissuto e celebrato il suo 70° compleanno questo novembre, starebbe probabilmente guardando indietro a quel nuovo sound che aveva inventato, e alla nuova generazione di musicisti che erano desiderosi di suonare con lui nel corso dei decenni.
Qualunque fosse stato il risultato delle registrazioni, possiamo sicuramente dire che esse non sarebbero finite su una qualche dozzinale collection degli anni '70."

Nessun commento:

Posta un commento