sabato 24 novembre 2012

Gli album inseriti nella Hall of Fame per il 2013

La Recording Academy ogni anno individua alcune registrazioni storicamente significative, di almeno 25 anni di età, per includerle nella Grammy Hall of Fame


Continuando nella tradizione di preservare e celebrare grandi registrazioni, la Recording Academy ha annunciato le ultime aggiunte alla collezione, inserita nella sua leggendaria Grammy Hall Of Fame. Questa ultima serie di registrazioni, aiuta degnamente a celebrare i 40 anni trascorsi nella valorizzazione della diversità e nell'eccellenza della registrazione, e riconosce sia singoli che album di tutti i generi con almeno 25 anni di età, che esibiscano un importante significato sia qualitativo che storico.
Le registrazioni sono riviste annualmente da uno speciale comitato composto da eminenti e riconosciuti professionisti di tutti i settori della recording arts, con l'approvazione definitiva da parte della  Recording Academy's National Board of Trustees.
Con i nuovi 27 titoli, l'elenco ammonta attualmente a 933, che è in mostra al Museo Grammy a Los Angeles.
Tra questi nuovi titoli sono compresi tre celebri album di jazz quali: Mingus Ah Um, Crosscurrents del Lennie Tristano Sextet e John Coltrane and Johnny Hartman.
Tra gli altri inseriti troviamo Ain’t Nobody Here But Us Chickens di Louis Jordan and his Tympany Five, Hit the Road Jack di Ray Charles, Hound Dog di Willie Mae “Big Mama” Thornton.
"Con le celebrazioni dei 40 anni della Grammy Hall Of Fame, è particolarmente importante notare che queste nuove entrate continua la tradizione di inserire una grande varietà di registrazioni che hanno ispirato ed influenzato sia i fan che i produttori di musica per generazioni", ha detto Neil Portnow, Presidente / CEO della Recording Academy.
"Memorabili per essere sia culturalmente che storicamente significative, siamo orgogliosi di aggiungerle al nostro crescente catalogo di eccezionali registrazioni che sono diventate parte della nostra storia musicale, sociale e culturale."

Nessun commento:

Posta un commento