venerdì 26 ottobre 2012

Stefano Zeni - Passaggi Circolari

Oggi voglio segnalarvi un bel album italiano, Passaggi Circolari l'album di esordio come leader del violinista e compositore Stefano Zeni che si racconta, delineando uno spaccato della sua vita artistica e privata dal 2003 a oggi, in undici tracce strumentali, tutte originali e a sua firma, di un moderno jazz-rock contaminato da sonorità world music. 


Prodotto dall'etichetta tedesca YVP MUSIC, che vanta nel suo catalogo Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Franco D'Andrea, Lino Patruno, Tiziana Ghiglioni e Gianni Basso, il cd è disponibile in versione download su Itunes, Amazon e negli altri digital stores.
A fianco di Stefano Zeni hanno lavorato alla registrazione dell'album molti nomi di spicco del panorama musicale italiano. Nella sezione ritmica si alternano alla batteria artisti del calibro di Ellade Bandini e Joe Damiani, il quale ha curato anche parte delle percusssioni. Ai fiati compaiono l'oboe di Mario Arcari e i sax di Guido Bombardieri ; alle tastiere ci sono Eros Cristiani e Diego Maggi. Ancora, il violinista bresciano è accompagnato da amici musicisti, veri fuori classe, che con lui hanno condiviso molte serate e tournée quali il percussionista Maurizio Giannone (Corimè), il pianista Antonio Prencipe (vincitore del premio Massimo Urbani) e il bassista Davide Dejana.
"Sia umanamente che musicalmente questo album è frutto di incontri, ascolti, passioni e riflessioni che hanno segnato la mia vita fino a ora.
La vita è nel suo complesso punteggiata da una miriade di passaggi che conducono da una fase all'altra attraverso essa; questi passaggi possono essere lineari o circolari. La circolarità della vita, della storia, dell'universo e della musica guarda al futuro non dimenticando mai le proprie origini.
Mi piace pensare di abbattere le barriere tra i generi musicali miscelando semplici melodie con la spontanea freschezza dell'improvvisazione jazz, la raffinatezza ritmica della fusion e il calore della world music." 
Stefano Zeni è nato a Milano il 30 dicembre 1974. Diplomato in violino presso il conservatorio di Trento nel 1997 guidato da Elena Laffranchi. Ha frequentato i seminari senesi di musica jazz (estate 1999) sotto la guida di Bruno Tommaso e Gianluigi Trovesi. Si diploma in musica Jazz presso il conservatorio di Brescia nel 2004 sotto la guida di Corrado Guarino.
Musicista, compositore e arrangiatore versatile, si esibisce in diverse formazioni di musica moderna, jazz, fusion, etnica, cantautoriale, classica e folk (Mille Anni Ancora, Compagnia della Vocata, Corimè, Gruppo Elettrogeno...).
Attualmente collabora con i seguenti musicisti: Giorgio Cordini, Ellade Bandini, Mario Arcari, Eros Cristiani, Antonio Principe, Davide Dejana, Guido Bombardieri, Vincenzo “Titti” Castrini, Francesco Palmas, Mauro Sereno e molti altri.
Negli anni ha suonato a fianco di: Sandro Gibellini, Pier Michelatti, Fulvio Sigurtà, Mauro “Otto” Ottolini, Sergio Scappini, Corrado Guarino, Stefano Bertoli, Roberto Bonati, Roberto Dani, Beppe Caruso, Kyle Gregory, Giulio Visibelli, Riccardo Tesi, Carmelo Leotta, Gianni Tomazzoni, Enrico Terragnoli.
Recentemente si è esibito a fianco di Antonella Ruggiero e Fabio Concato. Stefano Zeni vanta numerose le collaborazioni in studio di registrazione, con all'attivo più di trenta dischi registrati come sideman.
Con la flautista Angela Citterio (primo flauto dell'orchestra "I Pomeriggi Musicali" di Milano) ha composto, registrato e rappresentato la commedia musicale in un atto unico "La Piana delle Anguane" (su testo di Raffaella Benetti).
Nel 2011 firma il suo primo album da leader "Passaggi Circolari" per l'etichetta tedesca YVP MUSIC, ricevendo subito positivi apprezzamenti da critica e pubblico, tanto da aver conquistato nel Marzo 2012 il secondo posto come miglior violinista al prestigioso Jazzit Awards 2011.
Polistrumentista, oltre al violino suona la viola, il bouzouki, il mandolino, il dijdgeridoo ed altri strumenti a corda, tasti e fiato.

A questo link è possibile ascoltare integralmente alcuni pezzi tratti dall'album.

Nessun commento:

Posta un commento