lunedì 15 ottobre 2012

Stefano Di Battista in diretta questa sera su TSF Jazz

Questa sera il sito dell'emittente francese TSF Jazz trasmetterà in diretta dal club parigino Duc des Lombards, il webcast del concerto del quintetto di Stefano Di Battista con Julian Oliver Mazziarello (piano), Fabio Zeppetella (chitarra), Daniele Sorrentino (contrabbasso) e Roberto Pistolesi (batteria).


Stefano Di Battista inizia a suonare il sassofono all'età di 13 anni in una banda giovanile di un piccolo quartiere della periferia di Roma. Presto la musica di Art Pepper e l'incontro con Massimo Urbani gli spalancano gli orizzonti del jazz.
Si diploma in sassofono con il massimo dei voti all'età di 21 anni e inizia a suonare in molte formazioni fino a quando nel 1994 l'incontro con alcuni musicisti francesi lo porta a Parigi dove la sua carriera ha una svolta. L'Orchestra Nazionale di Jazz sotto la guida di Laurent Cugny, il gruppo di Aldo Romano, e poi Daniel Humair, J.F. Jenny Clark, Michel Petrucciani, Nat Adderly.
Nel 1998, dopo alcune incisioni da leader per la Label Bleu, il primo ingaggio con la Blue Note con cui incide l'LP “A prima vista” e nel 2000, dopo l'incontro con il leggendario batterista Elvin Jones, il recente lavoro a proprio nome con la presenza di Elvin Jones Jacky Terrasson, Rosario Bonaccorso e Flavio Boltro.
Oltre ai più importanti riconoscimenti da parte della critica internazionale, il disco ha vinto il prestigioso premio francese Telerama, classificandosi al primo posto nelle classifiche europee come album più venduto (25.000 copie in Francia).
Stefano Di Battista è un musicista tra i pochi italiani capaci di essersi affermati nel mercato del Jazz internazionale come testimoniano le sue collaborazioni nel sestetto di Michel Petrucciani, nei Jazz Machine di Elvin Jones, e la collaborazione nel quintetto di Dianne Reeves.
Nel luglio '00, la registrazione di un disco magistrale dove Stefano è affiancato dall'incomparabile presenza di Elvin Jones alla batteria (il leggendario batterista di John Coltrane), Jacky Terrasson al piano e Rosario Bonaccorso al contrabbasso. Il disco, dall'omonimo titolo, uscirà poi nell'ottobre del 2000.
Il nuovo disco, oltre ad avere grandi riconoscimenti da parte della critica internazionale, ha vinto il prestigioso premio francese Telerama, classificandosi al primo posto nelle classifiche europee come disco più venduto.
Ulteriore fatica discografica in ordine di tempo fu Round about Roma. Disco dedicato alla sua città natale, la scaletta ne riprende molti brani, alcuni omaggio alle emblematiche figure artistiche che hanno segnato la carriera del sassofonista, altri di sua composizione, dettati da grande sensibilità, altri, infine, personalmente significativi per il jazzista e perciò inserti nel suo ispirato cd.
Numerose le sue incursioni nella musica pop: soprattutto con la moglie Nicky Nicolai, che accompagna a Sanremo nel 2005 e di nuovo nel 2009. A Sanremo era stato anche nel 2008, come ospite dei Tiromancino.
Il titolo del suo ultimo album è “Woman’s Land” (Alice Records). “Woman’s Land” racconta in musica l’universo femminile attraverso dodici brani, composti, arrangiati e prodotti da Stefano Di Battista, per altrettante dodici donne celebri del Novecento, tra cui l’attrice Anna Magnani, la scienziata Rita Levi Montalcini, la cantante jazz Ella Fitzgerald, la stilista Coco Chanel, la poetessa Alda Merini, la cantante e ballerina Joséphine Baker, la prima donna nello spazio Valentina Tereskova e perfino la star dei videogames Lara Croft.
Quello di Stefano Di Battista è un omaggio a donne speciali e coraggiose che hanno lasciato un segno profondo nella nostra società. Le loro storie sono accomunate da un filo conduttore che celebra il loro anticonformismo e la forza nell’aver superato i pregiudizi e spezzato le catene che, fino al ’900, imprigionavano tutte.

Clicca qui per ascoltare in diretta il concerto, questa sera a partire dalle ore 20.

Nessun commento:

Posta un commento