giovedì 12 settembre 2013

Stan Getz & Chet Baker: Live In Stockholm 1983 (video)

Benchè Stan Getz e Chet Baker sembrassero essere molto compatibili a livello musicale, a causa del reciproco disprezzo che caratterizzava il loro rapporto personale, lavorarono insieme solo in tre occasioni separate. L'ultima volta fu per un tour europeo del 1983 da cui è tratto questo video, trasmesso dalla televisione svedese, che riprende un concerto del quartetto di Getz (con Jim McNeely al piano, George Mraz al basso e Victor Lewis alla batteria) a cui si aggiungeva Chet Baker alla tromba ed alla voce. Il concerto fu registrato al Södra Theatern di Stoccolma il 18 febbraio 1983.


In genere, lo Stan Getz Quartet durante quella tourneè apriva il concerto con una serie di preferiti del sassofonista come "O Grande Amor" e "We'll Be Together Again", a cui Chet seguiva con un paio di numeri vocali, di solito "Just Friends" e "My Funny Valentine",  per poi incrociare i propri strumenti su tre o quattro pezzi come "Stella by Starlight" e "Airegin".
Secondo il promotore Wim Wigt, sin dall'inizio del tour, Getz non nascose il suo disprezzo per Baker, in particolare per il suo canto. "Era come un bambino viziato ed era molto insicuro", disse Wigt allo scrittore britannico Mike Hennessey.
"Era geloso del successo di cui Chet godeva." E come Hennessey aggiunge, la relazione fu aggravata da "quello che sarebbe potuto essere descritto come un conflitto di dipendenze. Getz in quel momento beveva pesantemente mentre Baker usava l'eroina."
Dice McNeeley, "Stan provava un grande fastidio per l'uso di droghe di Chet. Forse se entrambi avessero usato la stessa sostanza sarebbero potuti andare più d'accordo insieme".
Stan, aggiunse, cercò di volgere la sezione ritmica contro Baker. Quando quel tentativo fallì, il sassofonista dette a Wigt un ultimatum "O va via lui o vado via io" .
"Così dovetti licenziare Chet e fu un vero peccato, perché aveva suonato superbamente ogni sera" ricorda Wigt con rammarico.

Ed ecco il video del concerto:

Nessun commento:

Posta un commento