lunedì 15 ottobre 2012

Joey DeFrancesco apre l'ottava edizione di Lune…dì jazz a Foggia

Lunedì 5 novembre segnerà l’inizio dell’ottava edizione di Lune…dì jazz, la rassegna organizzata dal Moody Jazz club di Foggia. Un’inizio in grande stile che ospiterà il trio di colui che è universalmente considerato da vari lustri come il migliore organista al mondo: Joey DeFrancesco. Joey si esibirà col suo strepitoso trio completato da Paul Bollenback alla chitarra e Jeremy Thomas alla batteria. Un trio che esprime il miglior funky-jazz al mondo. 


La tappa foggiana chiuderà la breve tourneè italiana di DeFrancesco (4 date), che vedranno il trio impegnato il 2 novembre a Perugia, il 3 novembre a Lamezia Terme, il 4 novembre a Gioia del Colle (Ueffilo) e il 5 novembre proprio a Foggia (Moody jazz cafè).
Joey DeFrancesco è considerato l’erede indiscusso del più grande organista di tutti i tempi, Jimmy Smith. 
Viene da  una famiglia di musicisti. Suo nonno Joseph DeFrancesco era un sassofonista. E suo padre un ottimo organista a sua volta. All’età di 4 anni comincia ad avere un forte interesse per l’organo. Nonostante avesse 5 anni suonava i brani di Jimmy Smith perfettamente.
Negli anni il suo interesse e amore per l’organo e la musica si rafforzarono. Dai 5 ai 10 anni il padre volle portare Joey nelle propri concerti facendolo esibire. 
All’età di 10 anni inizia a suonare nella Banda di Philadelphia, nella quale si esibiva i leggendari Hank Mobley al sax tenore e Philly Joe Jones alla batteria.
A 16 anni firmo il suo primo contratto con la Columbia Records, realizzando il suo primo disco “All of me” l’anno successivo. Questo disco fu il principale responsabile del grande risorgimento del suono Hammond nella musica popolare.
Sempre nello stesso anno fu chiamato dal grande Miles Davis ad unirsi alla sua band nel tour europeo. Fu allora che Joey, ispirato da Miles, cominciò a suonare la tromba. Tuttora Joey continua a suonare la tromba seguendo lo stile di Miles.
A 18 anni intraprende il primo tour a suo nome col proprio quartetto. A 22 anni, John McLaughlin lo chiama insieme ad batterista Dennis Chambers per formare il gruppo dei “Free Spirits”. Questa band suonerà per più di 4 anni. Joey ha girato tutto il mondo per molti anni, e in tutto questo tempo ha suonato e registrato con i migliori musicisti tra i quali: Ray Charles, George Benson, Jimmy Smith, John Scofield, Bette Midler, David Sanborn, Arturo Sandoval, Frank Wess, Benny Golson, James Moody, Steve Gadd, Elvin Jones, Jimmy Cobb, Joe Lovano e  moltissimi altri.
Joey ha vinto il Down Beat (il più prestigioso premio internazionale per il jazz) in ogni anno dal 2002, così come il Jazz Journalis Award. Nel 2004 ha una nomination al Grammy Award per il suo disco “Falling in love again” e ancora nel 2010 per “Never can say goodbye”.

Nessun commento:

Posta un commento