venerdì 5 ottobre 2012

Jazz&Wine of Peace 2012

Un’esperienza sinestetica, che dalle calde sonorità del jazz passa ai morbidi sapori delle cantine del Collio con delle pause in alcuni angoli dove è l’arte a fare da padrona. Tutto questo è Jazz&Wine of Peace la cui quindicesima edizione, presentata ieri alla stampa, già si preannuncia come un sold out: merito della capacità degli organizzatori (l’associazione cormonese Controtempo) di rinnovarsi nella tradizione, tenendo nel contempo sotto controllo gli effetti potenzialmente devastanti della crisi. E infatti, a fronte di finanziamenti pubblici sempre piú risicati e difficili da ottenere, il festival che aprirà i battenti il prossimo 25 ottobre risponde con l’intensificarsi di sinergie fra privati.


Vengono cosí a moltiplicarsi le sedi dei concerti che, dal teatro comunale di Cormòns (che, comunque, ospiterà gli appuntamenti di spicco) si irradiano in agriturismi, cantine ed enoteche dove, durante il giorno, la musica accompagnerà la degustazione di raffinati uvaggi e altre eccellenze del territorio. E non solo di quello cormonese, dato che l’edizione 2012 del rinomato festival varcherà i confini del centro collinare per spingersi a Gradisca d’Isonzo, Farra d’Isonzo e in Slovenia.
Si comincia dunque, giovedí 25, con il sassofonista statunitense Bill Evans che dal palco del Teatro comunale di Cormòns presenterà il suo nuovo progetto Soulgrass
Venerdí 26 la musica accompagnerà gli appassionati per l’intera giornata: alle 11 l’azienda Agricola Borgo san Daniele di Cormòns ospiterà il duo formato da Christian Lillinger e Tobias Delius, protagonisti di un concerto che sarà solo il primo momento di una giornata in azienda, scandita da degustazioni e dall’inaugurazione della personale di Marie Dargent, autrice di una serie di litografie in cui variopinte foglie di vite si sostituiscono alle note di vecchi spartiti. 
Spostandosi a Gradisca, dalle 17 l’enoteca regionale La Serenissima sarà il palcoscenico per l’esibizione del Ray Anderson Marty Erlich quartet, mentre in serata, rientrando a Cormòns, al teatro Comunale il batterista parigino Manu Katché presenterà il suo nuovo disco.
Il festival – che quest’anno avvia un gemellaggio con le affini kermesse di Zola e Montalcino – riprenderà sabato 27 alle 11 con il concerto del Gaetano Liguori New Quintet al Kulturni Dom di Nova Gorica per spostarsi nuovamente a Cormòns dove alle 17, nella tenuta di Angoris, si esibirà il chitarrista Enver Izmaylov mentre alle 21.30 al teatro comunale sarà la volta del Chano Dominguez trio
L’ultima giornata di Jazz&Wine sarà aperta dal Karlheinz Miklin Trio (tenuta Villanova di Farra d’Isonzo, alle 11) per proseguire alle 15.30 nella cantina Renato Keber di Cormòns con l’esibizione del duo giapponese composto da Satoko Fujii e Natsuki Tamura.
È già altissima l’aspettativa per il concerto di Joe Jackson in programma alle 21.30 al teatro comunale di Cormòns dove il celebre musicista, accompagnato dall’ensamble di sei musicisti che formano la Bigger Band, presenterà il suo ultimo progetto musicale, un omaggio a Duke Ellington intitolato semplicemente The Duke. Nutrito anche il programma di eventi collaterali al festival, dalle esposizioni ospitate all’enoteca regionale di Gradisca alla conferma degli apprezzati concerti aperitivo Around Midnight che già da sabato 20 animeranno vari locali della zona. Evento di spicco sarà infine, domenica pomeriggio, la premiazione Friulano&friends, titolo che sarà assegnato proprio nella giornata conclusiva di Jazz&Wine al termine di una rigorosa selezione fra gli uvaggi regionali allo scopo di individuare il vino portabandiera del Friuli Venezia Giulia per il 2012.

Nessun commento:

Posta un commento