martedì 23 ottobre 2012

Ambrose Akinmusire al Roma Jazz Festival

Domani (il 24 ottobre) l'eccellente trombettista Ambrose Akinmusire sarà in concerto alla Sala Petrassi dell'Auditorium Parco della Musica nell'ambito del Roma Jazz Festival.


Ambrose Akinmusire è uno dei trombettisti più brillanti segnalatisi negli anni recenti ai livelli più alti della scena jazz USA.
Nel 2007 è risultato vincitore di due tra i concorsi musicali più prestigiosi del mondo, conseguendo il primo posto sia al Thelonious Monk Award, premio assegnatogli da una giuria comprendente Terence Blanchard, Hugh Masekela, Clark Terry e Roy Hargrove, sia alla Carmine Caruso International Jazz Trumpet Solo Competition, a primo coronamento di una lunga fase formativa della sua personalità musicale, caratterizzata peraltro da profondità e precocità abbastanza inusuali: prima ancora di compiere diciotto anni si era già esibito con Joe Henderson, Joshua Redman, Billy Higgins e Steve Coleman, con il quale ha debuttato discograficamente nel 2001 prendendo parte all'incisione di "Resistance Is Futile".
Negli anni seguenti ha accumulato una notevole serie di collaborazioni con una lunga lista di musicisti operanti in un ampio spettro di stili e tendenze: Vijay Iyer, Jason Moran, Logan Richardson, Charlie Persip, Mingus Big Band, il San Francisco Jazz Collective, Bob Hurst, Terri Lynne Carrington e Ron Carter, per non citarne che alcuni.
Ambrose Akinmusire è un musicista dalla profonda conoscenza dei linguaggi improvvisativi e dalla grande ecletticità di influenze e approcci, il cui jazz è stato definito da Ben Ratliff del NY Times "agile, diretto, venato di mistero e pulsioni pop, capace di assecondare la maggior parte delle tendenze correnti nella scrittura come nell'improvvisazione, che appare destinato a grandi riconoscimenti".
La cifra principale di Ambrose Akinmusire è innanzitutto la ricerca di un nuovo linguaggio musicale, che lo porta a sperimentare, analizzare, concettualizzare tutti i generi, gli stili, da Chopin a Bjork.
Ma la sua ricerca non è mai fatta a scapito della bellezza. Ama infatti farsi sorprendere da un silenzio, una tensione, un cambiamento, come un’ascoltatore attento al minimo dettaglio.
Akinmusire ha firmato un contratto con la Blue Note iniziando a incidere con il proprio quintetto. Il suo ultimo lavoro 'When The Heart Emerges Glistening' è per la critica uno dei migliori progetti degli ultimi tempi.

Nessun commento:

Posta un commento