martedì 25 settembre 2012

Steve Coleman in webcast questa sera su Radio 3

Questa sera Radio 3 Rai trasmetterà il webcast del concerto di Steve Coleman and Reflex, registrato il 23 ottobre 2011 al Teatro Comunale di Cormòns nell'ambito del Festival Jazz & Wine Of Peace.


Nato il 20 settembre 1956 a Chicago, Illinois, Coleman si trasferisce a New York nel 1978 dove si stabilisce in via definitiva.
Inizialmente influenzato da sassofonisti come Charlie Parker, Sonny Rollins, John Coltrane, Von Freeman e Bunky verde, Coleman ha suonato e registrato con Thad Jones, Sam Rivers, il batterista Doug Hammond, Cecil Taylor, Abbey Lincoln e Dave Holland.
Ha incorporato molti elementi dalla musica folkloristica della diaspora africana, fusa con idee musicali influenzate da antichi concetti metafisici.
Caposcuola indiscusso del jazz proliferato negli States nell’ultimo paio di decenni, Coleman è impegnato da anni nella ricerca di un’ulteriore evoluzione ritmica della musica afroamericana.
Nel corso degli anni è stato leader in diversi gruppi, anche se il suo gruppo principale è Steve Coleman e Five Elements, formato nel 1981 ed ancora in attività.
Coleman è una delle figure chiave del jazz di oggi: è stato uno dei fondatori del cosiddetto movimento M-Base, collettivo di musicisti dalle cui fila sono venuti alla ribalta tra gli altri la cantante Cassandra Wilson e il sassofonista Greg Osby.
Il suono graffiante del suo sax racconta le tensioni, gli impulsi di una musica “meticcia” alla continua ricerca di una nuova identità, pronta ad arricchirsi degli stimoli più disparati, senza mai perdere un’essenziale “black energy”.
Il suo ultimo progetto è questo Reflex Trio nel quale Coleman collabora con due giovani membri della scena di New York, il pianista cubano David Virelles ed il batterista Marcus Gilmore.
Reflex” è un progetto che raramente si ha occasione di vedere sulle scene (l’ultimo tour fu nel gennaio del 1993, quando assieme a Steve c’erano Reggie Washington e Gene Lake).
Il 2011 è stato un anno sperimentale e di transizione per la musica di Coleman, che si sta muovendo apparentemente in direzioni opposte, diventando nello stesso tempo più spontaneo e precisa.
Il presente concetto coinvolge cellule di suoni che si evolvono in composizioni spontanee.

Clicca qui per ascoltare il concerto, questa sera a partire dalle ore 20,30.

Nessun commento:

Posta un commento