lunedì 24 settembre 2012

Il Bidone "Omaggio a Nino Rota" con Petrella a Napoli

Riparte con la sua programmazione autunnale la rassegna Napoli Jazz Winter 2012, kermesse musicale diretta da Michele Solipano, presentata dall’Associazione Culturale Napoli Jazz Club e dall’ Ass. Cult.Napoli Motus” che proporrà (in recupero della prevista data del 9 luglio in cartellone a Sant’Elmo Estate 2012 e slittata per motivi tecnici organizzativi ) sabato 29 settembre alle ore 21,00 nel cortile del Maschio Angioino “Il Bidone-Omaggio a Nino Rota”.


"Il Bidone-Omaggio a Nino Rota” è lo spettacolo messo su da Gianluca Petrella, uno dei più talentuosi trombonisti jazz del panorama italiano. 
La dote di Nino Rota è la semplicità di configurare la musica a livelli di una facilità d’ascolto molto elevata, derivata principalmente dalla semplicità di vena, inserita in prospettive tradizionali e sorretta da una creatività eccezionale.
La selezione dei brani eseguita certosinamente da Gianluca Petrella (ha lavorato lunghi mesi recuperando una grande quantità di materiale, in molti casi anche rarissimo) sarà decisamente ampia con una scelta finale caduta ovviamente su alcuni capolavori conosciuti dal grande pubblico, le colonne sonore dei film di Federico Fellini, ma anche su particolari brani meno famosi ma di grande caratura artistica.
Le atmosfere varieranno a seconda dei brani in una ricercata alternanza fra il dolce e l’amaro: il Nino Rota solare e allegro e quello più scuro e drammatico.
Il tutto eseguito grazie all’aiuto di una band molto eclettica con musicisti scelti con molta attenzione e provenienti da varie estrazioni musicali che vanno sicuramente oltre il jazz, come ad esempio lo straordinario Andrea Sartori che con i suoi macchinari sarà in grado di eseguire dei veri e propri rifacimenti (attenzione, non dunque i classici “remix”!), la grande realtà pianistica di Giovanni Guidi, la straordinaria capacità d’improvvisazione di un percussionista “pensante” quale Cristiano Calcagnile, l’enorme energia del baritono di Beppe Scardino mutuata direttamente dall’amatissima Cosmic Band del trombonista barese, la sorpresa del corposo bassismo dell’americano Joe Rhemer e infine la “chicca” vocale John De Leo, per interpretare le canzoni più suggestive del repertorio rotiano compresa una versione commovente del brano “Parla più piano” tratto dal film Il padrino, in dialetto siciliano.
Abbiamo reso omaggio – dichiara Petrella - all’enfant prodige Nino Rota, l’autore che mise in musica tutta la dolce vita di quegli anni dorati – i mitici Sessanta – persi fra cinema e joie de vivre, popolati da cineasti, attori e dive dalla bellezza senza tempo. Nino Rota ebbe l’onere e l’onore di scrivere le colonne sonore di numerosissimi film di Fellini, accompagnando il maestro sino al suo ultimo viaggio terreno dal momento che Giulietta Masina volle che fosse proprio il suo ‘Improvviso dell’Angelo’ a essere suonato ai funerali del marito”.

Nessun commento:

Posta un commento