giovedì 6 settembre 2012

Dizzy Gillespie & The United Nations Orchestra - Live at the Royal Festival Hall (video)

Questo imperdibile video riprende un leggendario concerto di Dizzy Gillespie e la sua grande United Nations Orchestra, registrato al Royal Festival Hall di Londra il 10 giugno del 1989. 
Quell'incredibile orchestra presentava tutti i grandi artisti di jazz latino e afro-cubano, combinati ad alcuni leggendari beboppisti americani. 


La formazione era infatti composta da Dizzy Gillespie (tromba); Flora Purim (voce); Mario Rivera (sax soprano e tenore, percussioni); James Moody (sax alto e tenore, flauto); Paquito D'Rivera (sax alto, clarinetto); Arturo Sandoval (tromba,  flicorno); Claudio Roditi (tromba); Slide Hampton (trombone); Steve Turre (trombone basso, shells); Danilo Perez (piano); Ed Cherry (chitarra); John Lee (basso elettrico); Ignacio Berroa (batteria); Giovanni Hidalgo (congas, percussioni); Airto Moreira (percussioni).
Live At The Royal Festival Hall è una gloriosa sommatoria della carriera di Dizzy Gillespie come strumentista, compositore, arrangiatore ed innovatore musicale. Si posiziona come una delle sue ultime grandi registrazioni prima della sua morte, avvenuta il 6 gennaio 1993.
Ponendo l'accento sulle innovazioni afro-cubane che ha portato alla cultura popolare, The United Nations Orchestra si dimostra una formazione piena di colori, hard-swinging e perfettamente bilanciata. La band conferisce ad ogni brano una nuova visione, senza però compromettere la sua essenza classica.
I trombettisti Claudio Roditi e Arturo Sandoval sono potenti echi della giovinezza di Gillespie. Mentre Gillespie cosparge le sue esplorazioni armoniche con effetti e colorazioni blues, Roditi e Sandoval arricchiscono il suo playing e si estendono nelle implicazioni dei suoi assoli, con un effetto particolare su A Night In Tunisia pezzo di chiusura del concerto.
Ci sono anche splendide interpretazioni di classici di Gillespie come Kush e Tin Tin Deo, ed una veloce e swingante versione di Tanga.
Quest'ultimo presenta il caratteristico "wordless vocals" di Flora Purim, un grande interplay ad alta potenza della sezione ritmica, e uno dei più ispirati assoli di Gillespie prima di dare il via a una furiosa battaglia dei sassofoni.
Live At The Royal Festival Hall è un gioioso evento musicale.

2 commenti:

  1. ciao, sto studiando questo genere musicale da poco, lo sto studiando proprio storicamente facendo del mio meglio per imparare le differenze degli stili ascoltando bene i classici.
    Oggi sono proprio arrivata a Dizzy e sto ascoltando "Afro" su youtube.
    Posso farti qualche domanda sui vari stili e sottogeneri del Jazz? vorrei riuscire a impararli bene e parlarne anche con qualcuno che se ne intende. Io lo ascolto da poco, e per di più sono autodidatta, ho scoperto da sola le cose, leggendo i libri.

    intanto spulcio anche sul tuo blog per vedere di ampliare le conoscenze. Grazie mille per tutto ciò che hai scritto! :)

    RispondiElimina
  2. intanto ti lascio due link delle cose che ho fatto io:
    http://intervistemetal.blogspot.it/2015/01/felix-martin-jazz-metal.html
    intervista a questo giovanissimo artista che mixa Jazz e Metal
    (perchè in effetti le prime cose "simil Jazz" che ho sentito sono stati proprio quei gruppi tipo Cynic e Atheist, che mi hanno incuriosita... anche se ovviamente sono classificati nel Metal) e questi lavori di fotomanipolazione sugli artisti che amo: http://intervistemetal.blogspot.it/2015/01/fotomanipolazioni-jazz-blues-swing.html

    per il momento sto frequentando anche un po' la community su google+, vedendo un po' cosa postano gli utenti. ma mi farebbe piacere parlarne con un italiano.

    sono anche interessata agli sviluppi moderni, magari in ambito elettronico o metal, se ti intendi anche di questo. per ora sto apprezzando tantissimo l'Electro Swng.

    Spero mi risponderai! :)

    RispondiElimina