sabato 8 settembre 2012

"Claroscuro" nuovo album di Anat Cohen

Il sesto album solista di Anat Cohen - in uscita il 25 settembre 2012 per l'etichetta Anzic Records - vede la stella del jazz a suo agio in un mondo di musica, spaziando con la sua band da New York e New Orleans, dal Brasile all'Africa.


Anat Cohen, un'artista celebrata in tutto il mondo per il suo virtuosismo espressivo al clarinetto e al sassofono, per non parlare della pura gioia di vivere nella sua carismatica presenza scenica, presenta l'ultimo album della sua evoluzione, Claroscuro, il suo sesto album da leader. 
L'album, che sarà pubblicato dalla Anzic Records il prossimo 25 settembre, prende il titolo dalla parola spagnola che descrive un gioco di luci e ombre (chiaroscuro in italiano).
L'album spazia deliziosamente da danze esuberanti a ballate cupamente liriche, avendo come priorità la spontaneità. Inoltre, Claroscuro mostra la scioltezza della Cohen alle prese con una serie globale di stili, dalla chanson creola di New Orleans e lo swing sempreverde di un pezzo di Artie Shaw, un pezzo di groove africano e di choro brasiliano, samba ed altro ancora.
La Cohen è stato raggiunta in studio dalla sua attuale band, con il pianista Jason Lindner, il bassista Joe Martin e il batterista Daniel Freedman, con l'aggiunta di ospiti speciali come il trombonista Wycliffe Gordon, il percussionista Gilmar Gomez e il clarinettista Paquito D'Rivera.
Nella sua irresistibile varietà, Claroscuro incapsula la descrizione che la rivista Jazz Police offrì della Cohen: "Lei diventa un cantante, una poeta, una scienziata pazza, ridendo - musicalmente - con la gioia di raggiungere quel luogo nuovo, quel sentimento nuovo, in ogni accordo."
Claroscuro, registrato agli Avatar Studios di Manhattan, comprende musica dall'America, Francia, Brasile e Sud Africa, interpretato da spiriti affini che arrivano da Israele, America, Brasile e Cuba, un melting pot suscitato magicamente al momento, con diversi pezzi catturati in una singolo take, spesso con arrangiamenti improvvisati. 
La Cohen dice: "Sto suonando con alcuni dei miei musicisti preferiti in tutto il mondo, e noi tutti parliamo un linguaggio comune, non importa da dove proveniamo". 
Che la musica di Claroscuro sia chiara o scura, c'è uno spirito radioso in tutti i pezzi. Questo è sempre l'obiettivo di Anat Cohen.
Lei dice: "Quando si condivide la musica con la gente - siano amici musicisti o il pubblico - dovrebbe essere sempre una festa, il che non significa che la musica talvolta non possa essere intensa o straziante. Ma fare musica con delle persone per delle persone, è un dono. E ci dovrebbe essere sempre gioia in un dono. "
(Fonte Jazz Corner)

Nessun commento:

Posta un commento