mercoledì 11 luglio 2012

Dave Kikoski a Tuscia In Jazz

Continuano nella straordinaria cornice del cortile di Palazzo Farnese di Caprarola, gli appuntamenti con il Tuscia In Jazz, e dopo la superlativa esibizione di Lage Lund arriva il genio del pianoforte Dave Kikoski. Kikoski, capace di un suono straordinariamente ricco di dinamica e di un gusto espressivo eterogeneo e appassionato, si esibirà giovedì 12 alle ore 21:45 in un piano solo in cui avrà spazio per esprimere il suo virtuosismo impeccabile eppure mai fine a se stesso.


David Kikoski è da molti anni uno dei più completi e efficaci pianisti presenti sulla scena jazz mondiale, e vanta un curriculum impressionante come leader di propri trii, comprendenti di volta in volta i batteristi Al Foster, Billy Hart e Ben Perowsky, e i bassisti Eddie Gomez, Essiet-Essiet, Ed Howard e James Genus. Numerose sono inoltre le sue collaborazioni di rilievo con musicisti quali John Scofield, Peter Erskine, Michael Brecker, Chris Potter, Joe Henderson, Dave Holland, Mike Stern, Chick Corea, Jeff Tain Watts, John Patitucci, Toots Thielemans, Tom Harrell e Marcus Miller. Tra le sue molte collaborazioni illustri ce n'è una in particolare che spicca su tutte per profondità e longevità, essendo iniziata nel 1985 per proseguire fino ai nostri giorni, ossia quella con il grande Roy Haynes, uno dei primi a scritturarlo dopo il suo arrivo a New York, che nutre per David una profonda stima musicale. 
Musicista di grandi doti tecniche e di forte spessore jazzistico, David Kikoski è anche uno dei musicisti più generosi che ci siano sulla scena. Il suo stile trae ispirazione da svariate fonti e presenta un distillato sapientemente equilibrato della storia del piano jazz, vista attraverso l'ottica di un musicista che ne vive l'evoluzione costantemente in prima linea da oltre due decenni sulla scena di New York. 
Tutto ciò, insieme a un bagaglio lessicale jazzistico apparentemente inesauribile, porta David Kikoski a fornire invariabilmente dal  vivo un set di grande forza espressiva e peso specifico, che risulta assolutamente convincente.
Un nome come quello di Kikoski, uno dei più grandi pianisti al mondo, già sul palco con Garzone, Gomez, Liebman, Haynes e molti altri – sottolinea il direttore del Tuscia In Jazz Italo Leali – è la perfetta dimostrazione di come si possano fare incontrare le eccellenze storiche della Tuscia con artisti di primissimo piano. Un pensiero di sincero apprezzamento alla sensibilità dell’amministrazione comunale di Caprarola e dell’assessorato al Turismo della provincia di Viterbo, che con questa iniziativa non solo valorizzano una location mozzafiato ma contribuiscono a far crescere ulteriormente il valore dell’offerta culturale e musicale della provincia”.

Nessun commento:

Posta un commento