lunedì 2 luglio 2012

Baronissi Jazz 2012 griffato Fresu e Rea

Le suggestive sonorità del jazz. L’acustica avvolgente. L’emiciclo dell’anfiteatro comunale. Artisti e pubblico uno accanto all’altro. 
La sedicesima edizione del Baronissi Jazz, in programma dal 4 al 6 luglio, è griffata Fresu e Rea. Paolo e Danilo, due artisti internazionali dal sound unico e irripetibile. E poi ci sono loro, solisti e band emergenti provenienti da diverse città italiane: dieci talenti, impegnati nel concorso che mette in palio, per il vincitore, la somma di 2mila euro e la passerella del Jazz in Laurino. 


A fare da contorno alle tre serate, presentate da Manuela Cavalieri, giornalista, degustazioni di vino e libri accompagnati dalle tele e dalle sculture del Museo d’Arte Contemporanea di Baronissi.
Queste le principali novità dell’edizione di quest’anno, allestita sotto la direzione artistica di Angelo Maffia. Si comincia il 4 luglio, dalle ore 22, con l’esibizione di Paolo Fresu Devil Quartet (con il chitarrista Bebo Ferra, il bassista Paolino Dalla Porta e il batterista Stefano Bagnoli); si prosegue il 5 con il Concorso e si chiude, la sera del 6, con Danilo Rea
«Quindici anni fa venne piantato il seme del jazz qui a Baronissi e dal quel seme, nel tempo, sono germogliati tanti fiori e molti frutti sono stati raccolti da diversi interpreti a quel tempo quasi sconosciuti – dichiara Giovanni Moscatiello – Solo per citarne uno per tutti quel Sergio Cammariere che si esibì in concerto al Baronissi Jazz quando era agli inizi di carriera e che, in un certo senso, scoprimmo proprio noi invitandolo al festival. Lo stesso seme dal quale è nata anche l’orchestra jazz dell’università».
«Il Baronissi Jazz è una realtà musicale che va istituzionalizzata – afferma l’assessore Nicola Lombardi – e noi come amministrazione siamo pronti a fare ogni sforzo possibile per avviare un percorso teso a creare un vero e proprio “marchio” del festival alla stregua di altri eventi in campo nazionale ed internazionale come l’Umbria Jazz e il Jazz in Laurino, con il quale da quest’anno siamo gemellati».

Nessun commento:

Posta un commento