giovedì 7 giugno 2012

Wu Guanzhong 1919-2010: A Tribute (video)

Su You Tube è stato pubblicato un fantastico video dedicato alle opere del grande artista cinese Wu Guanzhong, scomparso circa due anni fa (il 25 giugno del 2010), nel quale è inserita la musica di una formazione sensazionale composta da Larry Goldings all'organo Hammond, Peter Bernstein alla chitarra e Bill Stewart alla batteria, che eseguono Woodstock.


Due anni fa, il 25 Giugno 2010, Wu Guanzhong ci lasciava all’età di 91 anni. Per qualcuno questo può essere semplicemente un suono a se stante come può esserlo quello di Lu Xun, per altri l’aver associato questi due nomi, dimostra già l’importanza di chi vi sto per parlare.
Nato in una famiglia abbastanza povera nella provincia del Jiangsu nel 1919, grazie alla sue innate doti artistiche incontrò due grandi fortune: la prima, di essere ammesso nel 1936 all’Accademia di Belle Arti di Hangzhou, che a quel tempo era diretta da Lin Fengmian, un grande promotore della pittura ad olio. La seconda di ottenere una Borsa di studio che gli permette di accedere all’Accademia di Belle Arti di Parigi. Con la costituzione della nuova Cina nel 1949, Wu Guanzhong decide di rimpatriare per contribuire attivamente alla ricostruzione del paese insegnando arte alla Central Academy of Fine Arts e successivamente alla Tsinghua University.
Il suo entusiasmo e la sua volontà di rinnovare lo stile pittorico cinese inserendo degli aspetti della pittura ad olio fu una fonte d’ispirazione per i suoi allievi non indifferente.
Questi accenni alla sua vita, come l’essere stato il primo artista cinese ad avere una personale al National Museum di Londra, però non ci dicono la qualità sostanziale di questo pittore che a detta di molti è il pittore cinese più importante del XX Secolo.
Wu Guanzhong unendo arte occidentale ed arte orientale ed offrendo nuovi modi di valutare il lavoro artistico, ci mostra come il 1900 sia il secolo delle grandi trasformazioni in Cina.
Quando Lu Xun scrive negli anni 30 che “ Il valore espressivo di un’opera è nelle mani dell’artista ed è frutto del suo atteggiamento ideologico” avrà sicuramente influenzato l’artista portandolo a ricercare un linguaggio artistico che attraverso la Forma potesse rappresentare i cambiamenti epocali del popolo cinese. E non possiamo dire che non ci sia riuscito. (Fonte sART)

Nessun commento:

Posta un commento