mercoledì 13 giugno 2012

Taste in jazz a Bergamo

L'appuntamento è per il 30 giugno, l'evento uno di quelli che promettono di farsi ricordare: un'intera giornata «no stop» in cui il centro di Bergamo si trasformerà in una raffinata movida. 
È la prima edizione del «Taste in jazz», un festival in cui la musica e il gusto si sposeranno in un connubio perfetto. 


L'idea è semplice: immaginate concerti da strada in acustica di musica jazz in tutte le possibili varianti e declinazioni - Jazz Classico, Acid Jazz, Soul Jazz, Jazz Funk, Latin Jazz e molto altro ancora - in abbinamento a degustazioni di prodotti tipici dei produttori bergamaschi. 
Diverse locations e in ognuna decine di gruppi Jazz che si alterneranno esibendosi in abbinamento ad assaggi di specialità enogastronomiche, prodotti del territorio ed eccellenti aperitivi. 
L'offerta musicale sarà sorprendente e vedrà la partecipazione di una trentina di gruppi jazz, composti da giovani «under 35» ben inseriti nel panorama musicale jazz italiano. 
La direzione e la selezione artistica sono state curate da due giovani e preparati musicisti bergamaschi di conservatorio, Stefano Bosio e Francesco Marzetti, con la benedizione ed i supporto dei loro autorevoli maestri, Stefano Bertoli e Claudio Angeleri, personaggi di spicco nel panorama jazzistico bergamasco e internazionale. 
L'evento si pone come obiettivo quello di avvicinare i giovani, e nuovi potenziali fruitori di questo genere, a un contesto musicale che ad oggi, nel nord d'Italia in particolare, interessa un pubblico quasi esclusivamente adulto. 
Inoltre, grazie al patrocinio di Ascom e di Coldiretti, verranno coinvolte importanti realtà territoriali: aziende vinicole, caseifici, agricoltori e produttori bergamaschi di prodotti enogastronomici vari. 
In un momento in cui la grande distribuzione privilegia le importazioni , questo messaggio è particolarmente importante tanto che la manifestazione ha avuto il patrocinio della Regione Lombardia, della Provincia di Bergamo e del Comune di Bergamo. 

Nessun commento:

Posta un commento