mercoledì 27 giugno 2012

Esce 'Solo', nuovo album del pianista Paolo Di Sabatino

Uscirà il 26 giugno nei negozi di dischi e nei principali digital store il nuovo disco strumentale di Paolo Di Sabatino dal titolo 'Solo' (Irma Records/distribuito da Edel). 


"La formula del piano solo è il banco di prova di ogni pianista jazz - dichiara il compositore - 'Solo' è la mia dichiarazione d'amore nei confronti della musica e del mio pianoforte". 
Il progetto discografico del giovane compositore e pianista segna una nuova digressione verso il jazz dell'artista abruzzese con la formula piano solo, che contiene standard americani ('Sweet Georgia Brown' di Ben Bernie, 'I loves You Porgy' di George Gershwin), pezzi del repertorio sudamericano (il tango 'Te Quiero' e il samba 'Para ver as meninas') e brani originali inediti o rivisitati per l'occasione. 
Nato a Teramo il 26 settembre 1970, inizia giovanissimo lo studio del pianoforte sotto la guida del padre e si diploma nel 1990 col massimo dei voti, la lode e la menzione speciale, presso il Conservatorio di Bari. Nel 1994, nello stesso Conservatorio, consegue il diploma di Musica Jazz. Dedicatosi esclusivamente al jazz si esibisce con varie formazioni a proprio nome dal “piano solo” all’ottetto. Ha partecipato a numerose trasmissioni radio-televisive (Radio Rai 1,2,3, Radio Capital, Rai News 24, Tg2, Domenica In, La7) e suonato in importanti clubs e festivals.
Nel 1996 pubblica una raccolta didattica per pianoforte intitolata 15 pezzi per piccoli pianisti, progressivi per lo sviluppo del carattere melodico (ediz. Trasimeni – Roma). Nello stesso anno viene pubblicata una raccolta di brani per piano jazz (“Jazz Reflections” – ediz. Bèrben – Ancona).
Nel marzo del 1999 suona a Chicago presso il famoso jazz-club “Jazz Showcase” e firma un contratto esclusivo per la Hallway Records di Chicago con la quale pubblica nel 1999 il CD Introducing Paolo Di Sabatino in quartetto (con Bosso, Ciancaglini e Manzi) e Threeo con J. Patitucci e Horacio “El Negro” Hernandez.
Nel dicembre del 2002 le edizioni Il Manifesto pubblicano Paolo Di Sabatino, cd che racchiude tutte composizioni originali suonate in compagnia dei sassofonisti Javier Girotto, Stefano Di Battista e Daniele Scannapieco, oltre alla ritmica cubana formata da Carlitos Puerto e Hernandez.
Nel luglio 2003 effettua un tour in alcuni importanti festival italiani col vibrafonista Dave Samuels.
Nel 2004 viene pubblicato dalla Sinfonica Jazz, (distr. Carisch) un metodo didattico intitolato Quaderno pratico di musica jazz, scritto a quattro mani con Renzo Ruggieri. 
Il suo brano Foto rubate è inserito nel Real Book dei jazzisti italiani edito nel 2006 dalla Nuova Carisch.
E’ pianista e arrangiatore (insieme a Ruggieri e Roberto Colombo) del progetto “Canzoni fra le guerre” della cantante Antonella Ruggiero, nel quale vengono rivisitati classici della canzone italiana tra gli anni ’20 e ’40. Il repertorio è contenuto nel cd “live” della Ruggiero intitolato Souvenir d’Italie, pubblicato nel febbraio 2007 e contenente anche Canzone tra le guerre, brano presentato al 57° Festival di Sanremo con Paolo al pianoforte.
Sempre nel 2007 collabora come pianista e compositore allo spettacolo Serata d’onore con Cavuti e gli attori Michele Placido e Giorgio Albertazzi.
Nella stessa estate è il pianista dello spettacolo Un uomo in frac – Concerto tributo a Domenico Modugno (con produzione del DVD) andato in onda su RAIUNO il 13 luglio con la partecipazione di artisti quali: Giancarlo Giannini, Antonella Ruggiero, Fabio Concato, Simone Cristicchi, Neffa, Morgan, Raiz, Dolcenera, Gigliola Cinquetti. 
Nel 2008 effettua il tour teatrale diventa del cantante Mario Biondi e nello stesso anno registra il primo cd in trio (con M. Siniscalco e G. Di Sabatino) per l’etichetta giapponese Atelier Sawano e un altro con il gruppo Tango or not tango del quale è leader insieme a Davide Cavuti e a cui hanno partecipato tra gli altri anche Paola Turci, Javier Girotto, Michele Placido, Caterina Vertova.
Nel 2009 Mario Biondi inserisce due canzoni co-firmate da Paolo nel suo cd If. A dicembre dello stesso anno è invitato in Giappone per un mini-tour di quattro concerti. È co-autore di un brano inserito nella colonna sonora del film “Vallanzasca, gli angeli del male” di Michele Placido, presentato al festival del cinema di Venezia del 2010.
E’ docente di jazz presso il Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila.

Nessun commento:

Posta un commento