martedì 15 maggio 2012

Tom Harrell - North Sea Jazz 2011 (audio)

Domenica 10 luglio 2011, il celebre North Sea Jazz Festival ha ospitato il magnifico concerto del trombettista Tom Harrell, che, accompagnato dal suo solito quintetto, con Wayne Escoffery al sax, Danny Grissett al piano, Jonathan Blake alla batteria e Ugonna Okegwo al basso, ha presentato pezzi tratti dal suo ultimo album Time of the Sun.


Straordinario artista che, nonostante i suoi problemi, non finisce di stupire. Harrell, classe 1946, è affetto da oltre 40 anni da una forma di schizofrenia che gli rende difficile qualsiasi attività. Tuttavia nel momento in cui porta la tromba alle labbra si sprigiona in lui un’energia vitale che lo trasforma, come se fosse attraversato da una scarica elettrica.
La musica, ha confidato, è l’unica cosa in grado di risvegliare la sua mente malata e i suoi sensi intorpiditi.
Nato il 16 Giugno 1946, Tom Harrell iniziò a suonare la tromba in giovanissima età, mostrando una grande predisposizione: già dall’età di 13 anni suonava infatti professionalmente con formazioni della Bay Area. Dopo il diploma in composizione conseguito a Stanford nel 1969, si dedicò allo studio dell’arrangiamento con Tony Baker.
Le sue prime importanti collaborazioni musicali iniziarono allora, con le big bands di Stan Kenton e Woody Herman, oltre che con alcune formazioni di latin-jazz come Atzeca o Malo. Particolarmente importante fu il periodo passato con Horace Silver (dal 1973 al 1977) col quale incise 5 albums, da lui indicato come fondamentale nella sua maturazione come strumentista e compositore.
Trasferitosi a New York nel 1977, Harrell iniziò a collaborare con grandi nomi del mondo jazzistico tra i quali Gerry Mulligan, Bill Evans, Mel Lewis, Charlie Haden Liberation Music Orchestra, Lee Konitz, Lionel Hampton, Joe Lovano.
Dal 1983 e fino al 1989 entrò a far parte del quintetto del sassofonista Phil Woods col quale registrò vari album e che definì Harrell "il migliore musicista mai incontrato in 40 anni di carriera".
Fu dopo quella esperienza che Harrell inizò a dirigere propri gruppi con importanti collaboratori (Motian, Lovano, Berg, Liebman, Scofield etc..) ed a registrare splendidi album spesso premiati dai critici (Form, Stories, Sail Away, Visions, Passages, Upswing).
Dall’album Labyrinth in poi i suoi lavori discografici sono imperniati su formazioni più estese fino ad arrivare alla big band utilizzata nel CD dal titolo "Time’s Mirror" (nominato per il Grammy award), dove Harrell mostra le qualità di compositore, esperto arrangiatore e raffinato trombettista.
Tom Harrell oltre che un notevole compositore (ha scritto per varie formazioni orchestrali di tutto il mondo) è considerato uno dei più grandi trombettisti del mondo del jazz. Le sue doti strumentali gli hanno spesso consentito di arrivare ai primi posti dei pools delle riviste specializzate ma è importante sottolineare il suo linguaggio improvvisativo di assoluto prim’ordine in un connubio unico tra lirismo, padronanza armonica e tecnica strumentale.

Clicca qui per ascoltare in streaming e on demand questo strepitoso concerto, offerto dall'emittente radiofonica Radio 6 della radio olandese.

1 commento:

  1. Amazing issues here. I'm very happy to peer your article. Thanks so much and I am having a look forward to contact you. Will you please drop me a e-mail?
    My webpage > By Carlos Davis

    RispondiElimina