venerdì 25 maggio 2012

JapzItaly – Jazz Aid for Japanese Children a Milano

Tratto dal blog A Proposito di Jazz di Gerlando Gatto:
Promette di essere un evento senza precedenti la tre giorni di jazz e musica giapponese che si terrà a Milano dal 25 al 27 maggio — venerdì 25 all’Istituto Ettore Conti, sabato 26 a Palazzo Isimbardi, domenica 27 al Centro Congressi Corridoni.


JapzItaly – Jazz Aid for Japanese Children, questo il nome con cui è stata battezzata la mini rassegna, vedrà infatti la partecipazione di alcune personalità di assoluto prestigio del jazz internazionale e della musica improvvisata e tradizionale provenienti dal Sol Levante, alle quali si affiancheranno jazzisti e musicisti italiani di pari rilievo, chiamati unicamente a compiere una lodevole missione: raccogliere fondi da destinare ai tantissimi bambini giapponesi variamente colpiti dall’immane sciagura del marzo 2011.
Sul palco delle location interessate saliranno l’altosassofonista Sadao Watanabe ed il pluriancista Akira Sakata, il maestro shakuhachi di scuola tozan-ryu Kizan Daiyoshi, i pianisti Akira Onozuka e Nobu Stowe, il bassista Kiyoto Fujiwara, la pianista-cantante Mami Ishizuka, il trombettista Tiger Okoshi, i chitarristi Hideshi Takatani e Masa Oya del duo G2us e, ospite particolare, il filosofo-calligrafo Tetsuo Gyotoku. 
Si tratterà dunque di esibizioni particolari e variamente assortite che, al di là dell’improvvisazione jazz, avvolgeranno il pubblico nelle atmosfere della cultura tradizionale giapponese.
Altrettanto versatili i musicisti italiani che si uniranno ai colleghi giapponesi: hanno dato conferma della propria disponibilità il pianista Franco D’Andrea, il trombettista Guido Mazzon, il percussionista Andrea Centazzo, i batteristi Cristiano Vailati e Tommaso Cappellato, i sassofonisti Achille Succi e Roberto Ottaviano, il contrabbassista Luca Pissavini ed il fotografo Roberto Masotti nell’insolita veste di Vj....
(clicca per leggere l'articolo integrale sul blog)

1 commento:

  1. Sono stato alle prime due serate...veramente interessanti, artisti di grande spessore ed esperienza. Ieri sera la performance di Franco d'Andrea è stata eccezionale. Questa sera torno di sicuro anche perchè ci sarà un maestro calligrafo giapponese che dipingerà durante le esibizioni. Lo consiglio...

    RispondiElimina