venerdì 4 maggio 2012

Esce "Coltrane Project" di Riccardo Fioravanti

E' disponibile nei negozi tradizionali, su iTunes e negli altri digital store, “Coltrane Project” (Abeat Records/IRD), il nuovo disco di Riccardo Fioravanti.
In “Coltrane Project” Riccardo Fioravanti ed il suo trio, formato da Bebo Ferra (chitarra) e Andrea Dulbecco (vibrafono), interpretano i temi di John Coltrane con la straordinaria partecipazione di Fabrizio Bosso, Giovanni Falzone e Dino Rubino


Il disco è prodotto da Abeat Records e registrato, mixato e masterizzato da Roberto Centamore e Riccardo Fioravanti presso i Diecidecibel Studio di Milano. La grafica è a cura di Marina Barbensi.  
Riccardo Fioravanti, inizia a suonare il basso elettrico nel 1973 e nel 1976 entra nella classe di contrabbasso del Conservatorio "GiuseppeVerdi" di Milano. 
La sua carriera si sviluppa su piani paralleli: il senso artistico, la grande versatilità e le alte capacità professionali lo portano a lavorare in ambito jazzistico con Giorgio Gaslini, Franco Cerri, Gianni Basso, Renato Sellani, Enrico Rava, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso e Stefano Bollani mentre, nel mondo del pop, le sue collaborazioni sono innumerevoli, da Mina a Ennio Morricone, Mia Martini, Enzo Jannacci, Antonella Ruggiero, Fabio Concato, Ornella Vanoni e Mauro Pagani.
Ha collaborato con musicisti quali Tom Harrell, Bob Mintzer, Phil Woods, Lee Konitz, Clark Terry, Toots Thielemans, Charlie Mariano, Barney Kessel e moltissimi altri, e ha partecipato a concerti di Ray Charles, Chico Buarque De Hollanda, Gino Vannelli, Dee Dee Bridgewater e Stevie Wonder. 
Il suo suono preciso e corposo, e le grandi doti di interpretazione ne hanno fatto, nel tempo, un valido collaboratore – in seminari e performances - di batteristi quali Joe La Barbera, Adam Nussbaum, Billy Cobham, Alvin Queen, Paul Wertico, Danny Gottlieb e Tullio De Piscopo. 
Diversi i cd a suo nome, tra cui "Note Basse", "Bill Evans Project" e "In The Mood Of Chet".
Insegna Jazz all'Accademia del Suono di Milano e nei Conservatori di Brescia, Como e Cuneo, dove presiede la cattedra principale di Jazz.

Nessun commento:

Posta un commento