martedì 17 aprile 2012

Ravi Coltrane sta per pubblicare il suo primo album con la Blue Note

Il sassofonista e compositore Ravi Coltrane sta per pubblicare Spirit Fiction, il suo debutto discografico per la Blue Note  il prossimo 19 giugno. 
Gli 11 pezzi che compongono l'album presentano due formazioni diverse, ciascuna con una propria urgenza espressiva. Diverse tracce presentano il solito quartetto di Coltrane con il pianista Luis Perdomo, il bassista Drew Gress e il batterista EJ Strickland, per le altre Coltrane ha invece arruolato un quintetto, con il trombettista Ralph Alessi, la pianista Geri Allen, il bassista James Genus e il batterista Eric Harland,  con il  quale ha già collaborato nel suo secondo album From the Round Box.


Il suo compagno di etichetta e collega sassofonista Joe Lovano opera come co-produttore dell'album insieme a Coltrane. "Ho sempre prodotto le mie registrazioni tranne la prima, Moving Pictures, che fu prodotta da Steve Coleman," dice Coltrane. "Joe mi ha veramente sostenuto in questo progetto. E' stata una figura importante nella mia vita per oltre 20 anni"
Lovano ha anche suonato a fianco di Coltrane e Allen in una lettura intima di "Fantasm" di Paul Motian e si unisce al quintetto per una versione esplosiva di "Check Out" di Ornette Coleman, tratto dall'album del 1968, Love Call sempre della Blue Note. Spirit Fiction comprende inoltre sei composizioni originali di Coltrane e tre da Alessi.
Dopo aver fatto parte dei The Blue Note 7 che celebrava il 70° anniversario dell'etichetta, con il quale pubblicò l'album Mosaic ed intraprese un lungo tour in Nord America nel 2009, Coltrane ha deciso di unirsi al roster della Blue Note. "Bruce Lundvall (presidente onorario dell'etichetta) è stato di grande supporto in questo progetto. Sono onorato di essere alla Blue Note sotto il suo sguardo. E' molto orientato verso la musica ed è incredibilmente incoraggiante. Ha continuato l'esempio Alfred Lion di mettere la musica prima di ogni cosa e di saper correre dei rischi."
Nato a Long Island nel 1965, Ravi Coltrane è il secondo figlio di John e Alice Coltrane. Suo padre (che registrò Blue Train per la Blue Note nel 1957) morì quando Ravi aveva solo due anni. Alice, un famosa compositrice e pianista, lo ha cresciuto sulla West Coast e fu un importante modello per il giovane sassofonista. Ravi ebbe anche l'onore di produrre e suonare su Translinear Light di Alice Coltrane, pubblicato tre anni prima della sua morte nel 2007.
Il ritorno ad est a New York e importanti collaborazioni con Elvin Jones, Wallace Roney e Steve Coleman permisero a Coltrane di affermarsi come leader alla metà degli anni '90, e da allora ha pubblicato cinque album: Moving Pictures (1998), From The Round Box (2000), Mad 6 (2002), In Flux (2005), e Blending Times (2009). 
Ha inoltre continuato ad apparire come sideman di artisti del calibro di McCoy Tyner, Jack DeJohnette, Jeff 'Tain' Watts, e Flying Lotus (aka Steven Ellison, cugino di Ravi), e come co-leader del Saxophone Summit con Lovano e Dave Liebman.
"Una delle cose da ammirare del sassofonista Ravi Coltrane è il modo metodico con cui ha costruito la sua carriera", ha scritto Ben Ratliff sul The New York Times, mentre citava il suo In Flux tra i suoi migliori 10 album del 2005.

1 commento:

  1. Scusa... gentilmente correggi il sesso di Geri Allen che è una pianista donna... ti prego... non facciamo strafalcioni pure sui gay. Ci ha già pensato Cassano...

    RispondiElimina