martedì 24 aprile 2012

Misha Mengelberg, un tributo in Swing a Firenze

Giovedì 26 aprile 2012 presso la Sala Vanni di Firenze si terrà "Misha Mengelberg, un tributo in Swing",  un concerto di Paolo Damiani al contrabbasso, Marco Tamburini alla tromba, Edoardo Righini alla chitarra e l'Ensemble dei conservatori di Amsterdam, Roma, Rovigo (Mattia dalla Pozza sax, Filippo Vignato trombone, Elena Paparusso voce, Stefano Battaglia contrabbasso, Soso Lakatos sax, Kevin Van Den Elsen batteria)


L'Ensemble formato da studenti e docenti del dipartimento di Jazz dei prestigiosi Conservatori di Amsterdam, Santa Cecilia di Roma e Venezze di Rovigo reinterpreta all’insegna dello swing celebri brani del compositore e pianista olandese Misha Mengelberg, uno dei personaggi più rappresentativi del jazz europeo, fondatore dell’orchestra ICP, Instant Composers Pool.
Un incredibile senso melodico, la fantasia ritmica e un accattivante senso dell’umorismo sono sempre stati i punti cardinali della scrittura di Mengelberg; la sua musica brilla di nuovo nella proposta dell’ensemble, dove giovani talenti della musica europea reinterpretano alcune pagine del suo repertorio, sotto la guida di tre musicisti e docenti del calibro di Paolo Damiani, Marco Tamburini e Edoardo Righini, che nel concerto presenteranno anche brani originali, scritti per l’occasione.
Questa proposta è il risultato della collaborazione fra i tre istituti di alta formazione musicale il Conservatorium van Amsterdam, il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma ed il Conservatorio Venezze di Rovigo, e si basa su un intenso programma didattico che comprende lo scambio di studenti, docenti e metodi di studio, concretizzandosi appunto nella formazione di un orchestra internazionale di jazz formata dai migliori studenti di queste scuole.
Il progetto si pone l’obiettivo di offrire a questi validi musicisti studenti la possibilità di esibirsi anche in festivals jazz e teatri, essendo l'esperienza dal vivo una parte essenziale della formazione di un musicista ed indispensabile per gettare le basi di una collaborazione lavorativa, cruciali nella carriera di ogni musicista.

Nessun commento:

Posta un commento