lunedì 16 aprile 2012

Les Jours de France à Rome

Alla Casa del Jazz da venerdì 20 a domenica 22 aprile tre concerti nell’ambito della Settimana della Cultura Francese a Roma, Les Jours de France à Rome, promossa dal Municipio Roma III, in collaborazione con il XIII Arrondissement di Parigi. Incontri e scambi culturali tra Roma e Parigi, per sottolineare e rafforzare il gemellaggio tra le due capitali.
Partecipano all’iniziativa l’Ambasciata di Francia in Italia, il XIII Arrondissement di Parigi, il Lycée Chateaubriand di Roma, il Centre Culturel Saint Louis de France, l’Università degli Studi di Roma La Sapienza, la Civica Scuola delle Arti, l’Istituto Pasteur-Fondazione Cenci Bolognetti, la Casa del Jazz e l’Istituto Statale Sordi di Roma.
Aprirà gli appuntamenti di “Le Jours de France à Rome” alla Casa del Jazz, venerdì 20 aprile, Cadijo Quartet. Cadijo, voce e armonica vive a Bordeaux e al suo attivo ha otto cd di jazz e quattro di blues. Il suo originale approccio alla musica comprende echi di Django Reinhardt e George Brassens contaminati con i grandi maestri del jazz e del blues. Con un repertorio di classici e brani originali cantati in francese, la sua verve scenica e il suo stile estremamente lirico e cameristico all’armonica, Cadijo si pone come una delle proposte più interessanti e apprezzate della scena musicale europea. Con lui sul palco, Fred PG, chitarra, Lucio Omar Falco, basso e Guillaume Destarac, batteria.


Sabato 21 aprile, Riccardo Del Fra presenta "My Chet, My Song". Riccardo Del Fra presenterà una visione personale del mondo musicale e poetico di Chet Baker. 
Un universo ricco di grande fascino dove gli standard cari a questo grande musicista si sovrappongono con le composizioni di Riccardo Del fra ispirate da Chet Baker
Gli arrangiamenti di Del Fra rivisitano questi brani che diventano terreno di un gioco musicale dove convivono il rispetto per la tradizione e l’apertura al linguaggio musicale di oggi. Con Riccardo Del Fra presenta My Chet My Song alla testa di un quartetto il lirismo coabita con la fantasia e l’energia. 
Riccardo Del Frà, romano residente in Francia da diversi decenni, è uno dei più apprezzati contrabbassisti e musicisti europei di jazz, e da sempre ha saputo caratterizzare la sua attività per raffinatezza e classe, in un'articolazione che spazia da prestigiose collaborazioni, a partire da Chet Baker, Johnny Griffin, Bob Brookmeyer e Toots Thielemans, fino ai propri progetti, alla composizione per orchestra e alle colonne sonore. Accompagnatore ideale ma anche fluente solista, Del Frà è stato fin dai suoi esordi uno dei contrabbassisti più apprezzati e richiesti in tutta Europa.


Domenica 22 aprile, chiuderà la serie di concerti di “Le Jours de France à RomeAldo RomanoComplete Communion”. 
Sono trascorsi ormai quindici anni dalla scomparsa del leggendario cornettista Don Cherry (1936-1995), ma il contributo che questo straordinario artista ha dato alla storia del jazz continua ad essere un punto di riferimento non solo per gli interpreti del suo strumento. Le sue innovazioni del linguaggio jazzistico e le sue collaborazioni con John Coltrane, Albert Ayler, George Russell, Sonny Rollins e, soprattutto, Ornette Coleman continuano ad essere una costante fonte di ispirazione per le nuove generazioni di musicisti. 
Complete Communion” è un progetto nato da un’idea del batterista e compositore Aldo Romano dedicato proprio alla musica e all’arte di Don Cherry. Non è un caso che il grande batterista italiano, ormai francese d’adozione, abbia deciso di dar vita ad un tributo a Don Cherry, in quanto proprio l’incontro con lo storico musicista è stato uno dei momenti fondamentali dell’inizio della sua lunga e prolifica carriera. 
Al fianco di Aldo Romano troviamo poi altri tre protagonisti del jazz europeo. Innanzitutto il contrabbassista Henri Texier, colosso del jazz francese, noto per il suo eccezionale virtuosismo e per la tecnica impeccabile, anche lui collaboratore di Cherry nel corso degli anni Sessanta. Il suo trio con Louis Sclavis e Aldo Romano rimane nella storia. Ha inciso centinai di dischi, molti di quelli a suo nome per Label Bleu. Completano la formazione due giovani solisti che si sono velocemente affermati sulla scena europea e che rappresentano le punte di diamante del panorama jazzistico italiano, il trombettista Fabrizio Bosso,  e francese, la sassofonista Géraldine Laurent
Al centro della musica proposta c'è il grande affiatamento tra i componenti del gruppo - ognuno dotato di qualità tecniche ed espressive notevoli -, la voglia di elevare la musica verso momenti di assoluto valore e il desiderio di ricordare un musicista che ha segnato in maniera decisiva una buona fetta di jazz. Un quartetto di grandi artisti in Complete Communion! 



Nessun commento:

Posta un commento