lunedì 2 aprile 2012

Giorgio Gaslini a Bergamo

Questa sera, alle ore 20.30 all'Auditorium di piazza della Libertà a Bergamo, concerto di Giorgio Gaslini, per la Società del Quartetto di Bergamo, con “Incanti”, repertorio che spazia dalla musica classica dal cinquecento al novecento. 


Giorgio Gaslini, pianista, compositore, direttore d’orchestra milanese, musicista jazz di fama internazionale, ha al suo attivo più di tremila concerti e cento dischi, per i quali ha vinto dieci volte il Premio della Critica.
Attivo anche nella musica contemporanea, dopo aver conseguito sei diplomi al conservatorio di Milano, ha composto lavori sinfonici, opere e balletti per il Teatro alla Scala e per i maggiori teatri italiani.
Iniziatore di correnti musicali e portatore della musica ai giovani in scuole, università, fabbriche, ospedali psichiatrici ha tenuto concerti e partecipato a festival in oltre 60 nazioni.
E’ stato titolare dei primi corsi di jazz nei Conservatori S. Cecilia di Roma e G. Verdi di Milano, facendo conoscere una nuova generazione di talenti musicali e aprendo la strada all'ingresso ufficiale del jazz come materia di studio in tutti i conservatori italiani.
Ha collaborato per le musiche di scena con i più prestigiosi registi di teatro e per la televisione. Per il cinema ha composto numerose colonne sonore.
Nel '96 ha composto per il Teatro Romano di Verona “Mister O”, prima opera Jazz italiana.
Impossibile sintetizzare la sua biografia che spazia in oltre sessant’anni dedicati alla musica del grande artista milanese. Compositore, Direttore d'orchestra, pianista oltre che intellettuale autentico.
Da oltre sessant'anni traduce la sua creatività in suoni, versi e parole. Protagonista assoluto nella storia della musica italiana, ha contribuito all'affermazione del jazz, ha posto le fondamenta della musica totale europea.
Dopo aver conseguito sei diplomi al Conservatorio di Milano, ha composto lavori sinfonici, opere e balletti rappresentati al Teatro alla Scala e nei più importanti teatri italiani e internazionali.

Nessun commento:

Posta un commento