domenica 4 marzo 2012

Chris Potter Quartet a Lugano

Dopo la collaborazione in gennaio con l’Associazione Jazzy Jams, per il Jazz Winter Meeting a Riva San Vitale e il concerto del trio di Ellery Eskelin nella sede di Besso, nonché la consueta partecipazione al Festival di cultura e musica jazz di Chiasso (XV edizione, 9-11 febbraio) con, nello specifico, la produzione dei concerti di Michel Portal e Glenn Ferris, Rete Due propone nella seconda parte della sua stagione concertistica Tra jazz e nuove musiche diversi appuntamenti a Lugano e uno ad Ascona.
Ad inagurare i concerti allo Studio 2 della RSI a Lugano-Besso è stato dunque chiamato martedi 6 marzo (inizio ore 20.30) il sassofonista tenore, contralto e soprano Chris Potter, nato a Chicago nel 1971. 
Già ospite in precedenza della rassegna di Rete Due - con esibizioni nel gruppo di Dave Holland, nell’all-stars band Overtone Quartet e con il suo gruppo elettrico Underground - Potter torna a Lugano con una nuova versione del suo quartetto acustico insieme al pianista David Virelles, al contrabbassista Joe Martin e all’ormai indispensabile batterista Gerald Cleaver.


Solidamente legato alla tradizione del moderno sassofono - in una linea stilistica che da Coltrane passa per Wayne Shorter, Joe Henderson e arriva a John Surman e Joe Lovano - ma altrettanto sensibile alla varietà delle musiche attuali, Chris Potter ha raggiunto ben presto una sorprendente maturità, mostrando straordinaria intelligenza, lucidità creativa e un fraseggio assolutamente originale, ed è oggi considerato uno dei sassofonisti di maggior talento della scena jazzistica.
Il primo ingaggio di rilievo lo ebbe nel quintetto del trombettista Red Rodney. Dopo aver collaborato per un breve periodo con gli Steely Dan, ha poi affiancato i pianisti Kenny Werner e Marian McPartland, fino a diventare nell’ultimo decennio il sassofonista più conteso di New York. 
Tra le sue altre collaborazioni ricordiamo quelle con la Mingus Big Band, Paul Motian Trio 2000, Jim Hall, Steve Swallow, Al Foster, Dave Douglas. 
Nel 2000 Chris Potter è stato il più giovane musicista ad essere insignito del prestigioso Danish Jazzpar Prize, destinato annualmente ad un jazzista meritevole della maggiore attenzione. 
Per informazioni: www.rsi.ch/jazz.

Ecco un video di Chris Potter:

Nessun commento:

Posta un commento