mercoledì 1 febbraio 2012

Rez Abbasi

Le sue composizioni sono state descritte come "geniali". Il chitarrista pakistano-americano e bandleader Rez Abbasi è un tour de force e la sua miscela creativa jazz-Qawwali sta aiutando a diffondere il jazz moderno in Asia meridionale.
It’s a process, put it that way,” ha detto Abbasi in un intervista. “It’s a matter of maturity, and as I feel like, you know, as I’ve matured things could have surfaced in a different way than they did let’s say 20 years ago when I was actually studying more of the music.”
Qawwali, una forma di musica islamica devozionale vecchia di 700 anni, è molto popolare in Asia meridionale, in particolare nel Punjab e nelle regioni Sindh del Pakistan, Hyderabad, Delhi e in altre parti del nord dell'India. Fu introdotta nel mondo attraverso l'opera del compianto cantante pakistano Nusrat Fateh Ali Khan, che fuse il Qawwali e la musica occidentale.
Abbasi estrapola molti elementi della ricca cultura e dalla musica dell'Asia meridionale, per produrre uno stile organico di musica.
My main agenda is not to make it sound overt and sort of canned. It needs to be very organic,” ha spiegato il chitarrista. “The elements you hear from South Asia in my music are sort of under the radar. They are there for sure and you would hear them more if you actually knew Indian classical music or perhaps Qawwali. If you know that music, then you might hear it in my music. If you don’t know that music, then you might think of it as an expression.”
Rez Abbasi è nato a Karachi, in Pakistan, ma la sua famiglia si trasferì a Los Angeles, in California quando aveva quattro anni. E' cresciuto ascoltando la musica Qawwali in casa. Un giorno, quando aveva 11 anni, suo zio portò a casa una chitarra come regalo per lui e suo fratello.
We turned off the lights and we both played this melody, I specifically remember this — it was a Led Zeppelin melody,” ha detto Abbasi che ha adesso otto album a suo credito. “We wanted to test each other as to who could play better and I won this competition. It was kind of obvious in the sense that I would pursue something musically.”
Abbasi impararò molto di più sugli strumenti a corda, sul jazz americano e sui musicisti pop, e sui famosi compositori indiani e pakistani. Iniziò la sua educazione musicale alla University of Southern California, per poi trasferirsi a New York e completò i suoi studi alla Manhattan School of Music, dove si è diplomato in jazz e composizione classica. 
Da giovane chitarrista, Abbasi è stato influenzato dal leggendario chitarrista americano Jim Hall. Era anche un grande fan di gruppi come Rush, Van Halen e dei Rolling Stones. Gli piaceva il jazz e la musica classica indiana. Dice di aver fatto pratica suonando per ore ogni giorno, e alla fine ha cominciato a scrivere la propria musica di jazz moderno.
Abbasi, che ora vive a New York, è stato ospite la settimana scorsa del Blues Alley, situato nella storica area di Georgetown, a Washington, DC. Il cartello affisso di fronte al famoso jazz club ha attirato un folto pubblico, compresi gli asiatici di vari gruppi di età.
We had a mixed audience. We had a lot of South Asians come through, which is somewhat unique for a jazz concert,” ha detto un euforico Abbasi. “It’s a great phenomenon that we’re seeing that more of these types of people are coming.”
La moglie indiana di Abbasi, Kiran Ahluwalia, è una celebrata cantante ed una sua frequente collaboratrice. Abbasi arrangia alcune delle sue musiche.
Her music is unique and it really opens the door to the melodic element of Indian music,”, dice con orgoglio. Abbasi aggiunge che i nuovi gruppi non sta interpretano il jazz come quello che si faceva negli anni '40. “It has expanded,”, osserva. “So, when they hear my music they hear that expansion and I think they are very open to it.” 
Dopo i suoi recenti successi, in particolare con il suo nuovo album Suno Suno, Abbasi è stato salutato come un "chitarrista straordinario" dal grande Pat Metheny. “Unique and beautiful music – and best of all – very original…I’m really impressed”, ha detto Metheny.
Abbasi ha anche ottenuti elogi da parte della critica jazz più rispettata. La rivista Guitar Player descrive Rez Abbasi come "un chitarrista e compositore di grande talento che merita maggiore attenzione." 
La rivista on line All About Jazz afferma: "Abbasi suona come nessuno altro prima di lui. Le sue composizioni sono puro genio."
(Fonte Voice of America)

Qui si può ascoltare un concerto di Rez Abbasi, registrato al Newport Jazz Festival 2010.


Ed ecco il video di presentazione del suo ultimo album Suno Suno, nel quale si avvale della collaborazione del sassofonista Rudresh Mahanthappa e del pianista Vijay Iyer:

Nessun commento:

Posta un commento