mercoledì 5 dicembre 2012

REPLAY: La prima registrazione di jazz compie 95 anni

(Pubblicato originariamente il 24 febbraio 2012)
Benchè si sia sempre considerato New Orleans come luogo di nascita del jazz, in realtà fu nel Garment District di New York dove esso mosse i suoi primi passi.
Infatti il 26 febbraio 1917, i cinque componenti della Original Dixieland Jass Band (ODJB), il trombonista Eddie Edwards, il cornettista Nick LaRocca, il batterista Tony Sbarbaro, il pianista Henry Ragas e il clarinettista Larry Shields, salirono sull'ascensore di un palazzone posto sulla 38th Street, tra la 5th e la 6th Avenue, per raggiungere i nuovi studi di registrazione della Victor Talking Machine Co., prendere i loro strumenti e registrare due canzoni: Dixieland Jass Band One-Step e Livery Stable Blues, in quella che è considerata la prima registrazione di jazz della storia.


Pubblicato qualche settimana dopo, il 78 giri ebbe un successo improvviso e fu un adeguato inizio per il jazz del futuro. Da un lato c'era un blues e dall'altro un numero di danza, due forme su cui il jazz si sarebbe basato nei decenni a venire. 
"Queste canzoni del ODJB erano fantastiche, pezzi espressivi che cambiarono improvvisamente la musica popolare", ha dichiarato Dan Morgenstern, storico jazz e autore di Living With Jazz
"L'impatto del loro approccio sincopato può essere solo paragonato ai dischi di Elvis Presley della metà degli anni '50. Tutto è cambiato dopo la loro pubblicazione".
Malgrado il nome roboante, la Original Dixieland Jass Band non era così originale come essi rivendicavano. "I musicisti neri di New Orleans suonavano la musica che si sarebbe chiamata jazz già nel 1906," ha dichiarato Bruce Raeburn, curatore del Tulane University's Hogan Jazz Archive. "E neanche l'idea di formare un gruppo e portare lo spettacolo in strada fu veramente loro".
Questo onore apparteneva ad un promotore del Nord, che nel 1916 convinse diversi musicisti bianchi di New Orleans a formare un pre-ODJB band e trasferirla a Chicago. Un altro gruppo di New Orleans - Tom Brown's Band From Dixieland - stava già avendo successo suonando nei ristoranti locali. Poco dopo l'arrivo dei musicisti, essi furono ribattezzati ODJB ed incontrarono Max Hart, l'agente di Al Jolson.

Essi furono prenotati a suonare in un ristorante di New York nei pressi di Columbus Circle, nel gennaio del 1917.
Dopo alcune settimane dall'ingaggio, i dirigenti della Columbia Graphophone cercarono di catturare il vento dell'eccitazione ed invitarono la band nello studio di registrazione al Woolworth Building. "Ma quando si esibirono lì, il 31 gennaio, la musica risultò troppo difficile da registrare e i dirigenti non furono molto impressionati da ciò che ascoltarono", ha detto Raeburn.
I musicisti lasciarono gli studi avviliti, ma non scoraggiati. Ben presto approcciarono la Victor, che si era appena trasferita nella 38th Street, e la casa discografica colse al volo l'occasione. 
Quando i musicisti della ODJB presero i loro strumenti il 26 febbraio per registrare i due pezzi, gli ingegneri della Victor posero i musicisti a distanze diverse dal grande corno conico che fungeva da microfono. Gli ingegneri fecero dei test pressando ed anche appendendo i cavi vicino al soffitto per assorbire le sfumature sonore.

Ecco il video di Dixie Jazz Band One-Step:


Ed ecco il video di Livery Stable Blues:

Nessun commento:

Posta un commento