mercoledì 1 febbraio 2012

Giovanni Falzone "Silverville - Omaggio ad Horace Silver" al Blackmail

Sabato 4 febbraio (inizio ore 22; ingresso 10 euro), il contrabbassista Raffaello Pareti continua il suo weekend musicale al Blackmail Jazz Club di Rignano sull'Arno (FI). Questa volta sarà con il gruppo Silverville, un omaggio a Horace Silver al quale partecipano artisti di fama come Giovanni Falzone (tromba), Tony Cattano (trombone), Fabrizio Puglisi (pianoforte), Saverio Tasca (marimba) e Stefano Rapicavoli (batteria), che è l'ideatore e leader del gruppo.
Silverville è una 'città musicale' il cui 'primo cittadino' è il batterista Stefano Rapicavoli, per le strade di Silverville si suona musica della specie più contagiosa ed eccitante: hard bop, soul jazz, funk. 
Come ben suggerisce il nome, infatti, il sestetto Silverville propone un omaggio a Horace Silver, una delle ultime icone viventi della grande tradizione jazzistica americana, considerato tra primi e principali esponenti della scena hard bop. 
Pianista e compositore prolifico, Silver, figlio di madre afro-irlandese e di padre capoverdiano, ha tratto la sua ispirazione dalle culture musicali dell'America Latina, l'Africa e l'Oriente. Molte delle sue composizioni si basano su ritmi e spunti melodici di queste tradizioni, tradotte nella lingua del jazz attraverso una concezione personalissima, in costante equilibrio tra creatività e disciplina musicale. 
Tra le molte pagine di Silver, l'ensemble creato da Stefano Rapicavoli ha scelto di esplorare, con grande fedeltà alle versioni originali, brani caratterizzati da ritmi e strutture inconsuete scritti dal pianista nel ventennio 1950-1970, accanto a composizioni scritte dopo la metà degli anni novanta. 
L'impiego di ottoni e marimba mette in evidenza gli aspetti timbrici, tracciando un ritratto a colori di un maestro che ha contribuito a definire il jazz moderno.
Per informazioni: www.blackmailjazzclub.it/

Ecco un video del gruppo Silverville, che presenta The Capeverdean Blues al Pinocchio Jazz Club il 5/11/2011:

Nessun commento:

Posta un commento